Napoli. La Mediterranea Arte. Arte Napoletana dell´ ´800 e ´900.

0

LA MEDITERRANEA ARTE


 


Via Carlo De Cesare 60


80132  Napoli


 


Mercoledì 11 FEBBRAIO 2009, ORE 18,00


 


INAUGURA MOSTRA dedicata all’ARTE NAPOLETANA dell’800 e del ‘900.


 


Come ogni anno, La Mediterranea Arte propone una mostra storica sull’arte napoletana con opere dell’800 e del ‘900. L’esigenza nasce dall’obiettivo di far conoscere soprattutto alle nuove generazioni taluni artisti di indiscussa qualità che hanno avuto la sfortuna di operare in un territorio che non ha saputo valorizzarli, ancora oggi, nonostante la presenza degli stessi sul mercato nazionale e internazionale.


 


“Da oltre un trentennio –spiega Saverio Ammendola, curatore dell’iniziativa- aspettiamo che la città di Napoli offra una sede per dare una giusta sistemazione alle opere dell’800, quelle relative alla famosa Scuola di Posillipo e quella di Resina, e, soprattutto, agli artisti della prima metà dell’900 che furono presenti a quasi tutte le Biennali di Venezia, alle Quadriennali Romane e ai maggiori premi dell’epoca i quali paradossalmente sono presenti nelle maggiori pinacoteche del centro e nord Italia. Fa sempre tanta meraviglia notare che  qui, nella loro terra d’origine, questi artisti riconosciuti dalla critica siano del tutto dimenticati.”


Saranno presentate per l’occasione tantissime opere selezionate  tra cui  “Lavandaia a Ravello di Giacinto Gigante, “Figura” di Michele Cammarano, “La spiaggia della marinella“ (vedi: foto a sinistra) di Attilio Pratella, “Giocatori di carte “ di Vincenzo Migliaro, “Place dell’opera” di Pietro  Scoppetta,”Elisa in giallo”, di Luigi Crisconio,”Natura morta” di Franco Girosi, ”Figura “Interno di famiglia” di Gennaro Villani,” Ballerino a riposo”  di Emilio Notte.


 


Inoltre, da segnalare “Sul balcone” una delle sei opere presentate alla XXIII Biennale di Venezia in una sala personale di Carlo Verdecchia, “Nudi” di Rubens Capaldo, un raro Gaetano Bocchetti, un Mario Cortiello degli anni ’20, Carlo Striccoli, Alberto Chiancone.  Per riuscire a capire queste  composizioni bisogna necessariamente guardare retrospettivamente il  “viaggio” di ciascuno nell’arte per connettersi nel dinamismo delle  rappresentazioni che riescono a comunicare attraverso il rigore della tecnica una sintesi espressiva capace di particolare raffinatezza e originalità.


Le opere degli  artisti in mostra, tra i più rappresentativi dell’estetica dell’epoca, hanno lo scopo di riuscire a dare un senso di continuità tra presente e passato. Artisti insorti, ma scomodi, non in grazia di memoria chiamati a preservare il proprio destino, i tabernacoli della propria esistenza, per una continuità di storia.


Anna Lucia Cagnazzi ha validamente collaborato alla ricerca delle opere in esposizione.


 


Info:


081.417413


e-mail: lamediterraneaarte@virgilio.it


Orario:Dal lunedì al venerdi


ore 11,00-13,30 e 17,00-19,30


sabato ore 11,00-13,30.


Dall’ 11 Febbraio al 9 Marzo 2009.