SORRENTO: ACQUISTI E RESCISSIONI – Tutto accade all´ultimo minuto – News sportive locali

0

SORRENTO: ACQUISTI E RESCISSIONI Tutto accade all’ultimo minuto SORRENTO. Proprio nei minuti finali del calcio mercato invernale, perché non ci sono quelli di recupero, il Sorrento ha piazzato tre colpi. Puntando su un portiere milanese che vanta una buona esperienza e su due attaccanti quasi ventunenni. Si tratta di Locatelli Alessio, classe 1978, nato a Milano e cresciuto nell’Inter. Dove intraprende la carriera calcistica nel campionato 1996-97 tra le fila della squadra primavera. Disputando un buon campionato di categoria. Poi l’anno successivo, sempre in Lombardia, va a giocare nella’Alzano Virecit in Serie C1. Per passare nel 1998-99 al Voghera in serie C2. Scende di categoria nel 1999-00 andando al Torretta, in provincia di Crotone, dove disputa ben trenta partite. Ancora nell’ex CND torna quasi vicino casa e va al Rivoli (TO) cimentandosi per 23 gare. L’anno successivo nel 2001-02 gioca nel Trino (VC) per 32 partite e saltandone solo due. In poche parole è stato quasi sempre presente. Sempre nella terra dei Savoia, cambia città e va a Castelletto sul Ticino in provincia di Novara. Purtroppo disputa solo undici gare. Mentre nell’annata 2003-04 resta inattivo per riprendere l’anno seguente nella blasonata Pro Vercelli. Per passare a novembre nello Spezia in Serie C1. Dove resta anche quando la squadra spezzina sale in Serie B fino al 2007-08. Anno in cui i bianconeri per motivi economici non potettero disputare la serie cadetta. Da qui, nei primi mesi di questa annata calcistica, si è trasferito in Bulgaria dove ha giocato nel Botev Plovdiv. Ed ora nel Sorrento dove cerca riscatto. Come si è capito dalle succinte parole dette nella presentazione avvenuta nel pomeriggio di martedì nella sala stampa del Campo Italia. “Spero che qualche soddisfazione di portarla anche qua”, così si è espresso il ragazzone milanese. E sui motivi che lo hanno spinto a venire in costiera ha risposto che “Sorrento mi è sembrata una società importante”. Mentre degli attaccanti acquistati era solo presente il siciliano, ma di adozione toscana, visto il suo accento, Pietro Arcidiacono. Nativo di Catania si è trapiantato bene in quel di Empoli. Da dove proviene con quattro presenze all’attivo. Mentre nella stagione scorsa era in Brianza, a Monza. Nella squadra rossobianca ha disputato ben 31 partite andando a segno per quattro volte. Si trova a Sorrento perché “nell’Empoli ho trovato poco spazio ed ho accettato, tramite, i consiglio Sorrento”. Che “è una società tranquilla e nella quale spero di dare qualcosa”. Nel suo ruolo può anche fungere da “esterno anche se sono nato come attaccante. Posso anche giocare alto e non ho problemi, per me va benissimo”. Entrambi i presenti si sono subito messi a disposizione di mister Simonelli che li stava aspettando per l’allenamento. Mentre l’altro attaccante, il francese Hodza Albin Romain, che non era presente, ha raggiunto poco dopo la squadra. Egli è nato a Choizy le Roi e nel gennaio del 2008 ha disputato tre gare nella Paganese. Per poi disputarne nove ad inizio di questa stagione nel Manfredonia. In tutto ha siglato ben undici reti. Nella breve presentazione il d.g. Diodato Scala ha confermato che Ripa resta al Sorrento. Perché “ non c’è stato alcun accordo con nessuna squadra”. Lo avevamo “trovato con il Taranto ma il giocatore non ha trovato quello economico”. “Noi –sottolinea Diodato Scala- avevamo dato un prezzo che se accettavano andava bene”. Ma purtroppo in tempo di crisi nessuno se l’è sentita di fare i grandi passi. Così l’attaccante battipagliese resta con la felicità anche del coopresidente Gambardella. Che a giro di brevi parole dice che “Ripa è un altro acquisto”. In ultima analisi per quel che riguarda le rescissioni, ci sono state quelle di Jani Virtanen, di Giovanni Barreca e di Nicola Strambelli. GIUSEPPE SPASIANO