META DI SORRENTO, E´ GUERRA PER L´INCOMPATIBILITA´ DEI CONSIGLIERI COMUNALI

0

Arriva in consiglio comunale la questione della presunta incompatibilità di alcuni consiglieri  a Meta (di Sorrento, il comune della Penisola Sorrentina andrà al voto in primavera, Ndr) e scoppia la bagarre tra maggioranza e opposizione. Ad accendere la miccia era stato il consigliere di minoranza Rossano Astarita (foto) che qualche mese fa ha presentato un’interrogazione per conoscere la posizione del presidente dell’assemblea Paolo Trapani che risulterebbe in lite con il Comune perché titolare di quote di una società titolare di una concessione pubblica. In quella occasione lo stesso Trapani, da un lato respinse l’addebito ma contemporaneamente convocò una seduta per discutere una mozione riguardante la compatibilità di tutti i consiglieri. E l’altra sera proprio di questo si è discusso, visto che gli uffici amministrativi del Comune hanno chiesto a tutti i membri dell’assemblea di autocertificare la regolarità del proprio status. E qui la vicenda si tinge di giallo con la maggioranza dei consiglieri che si è rifiutata di produrre la dichiarazione. Conseguenza? L’assemblea ha votato una mozione definita «irrituale» dalla stessa segretaria comunale Loredana Lattene. In compenso il consigliere Astarita ha presentato una nuova mozione riguardante specificamente il presidente Paolo Trapani e che sarà discussa entro trenta giorni. In tutto questo, mentre il sindaco Bruno Antonelli ha cercato di calmare gli animi, c’è da registrare la difesa di Paolo Trapani fatta unicamente dal consigliere di minoranza Giuseppe Tito. Lo scenario resta dunque assolutamente incerto; la querelle sembra destinata a continuare. (Francesco Aiello il Mattino)