Mission Sudamerica: ecco i primi nomi per il Napoli -CALCIO, NAPOLI: ALLENAMENTO CON LE MINI PORTE PER GLI AZZURRI

0

 

 CASTELVOLTURNO (CE) – Il Napoli prosegue la preparazione (doppie sedute fino al 31 dicembre e pomeridiana il 1° gennaio) nel centro sportivo di Castelvolturno. Mazzarri tiene tutti sulla corda. Nella seduta del 29 dicembre lavoro atletico e tattico con partitella con le mini porte a ranghi misti.

Napoli Uno: Gianello; Grava, Rinaudo, Cannavaro, Contini; Maggio, Cigarini, Gargano; Hamsik.

Napoli Due: Iezzo (De Sanctis); Aronica, Pazienza, Rullo, Hoffer, Quagliarella.

Presente dunque tutto il gruppo italiano al completo con l’aggiunta di Hoffer, Gargano ed Hamsik. Ha lavorato in palestra Santacroce. Il difensore azzurro, come da programma concordato con lo staff medico, proseguirà la sua tabella personale al Centro di Cerreto Sannita.

Antonio Petrazzuolo

Napoli Magazine

La missione sudamericana del presidente Aurelio De Laurentiis comincia a dare i primi frutti. Gli ami gettati dal patron azzurro portano a galla giovani talenti low cost che potrebbero fare al caso della squadra azzurra che vuole puntare anche su calciatori ancora non esplosi definitivamente. Dall’Argentina sono arrivati molti contatti per De Laurentiis che ha solo l’imbarazzo della scelta. Luciano Fabian Monzon, esterno mancino 22 enne, del Boca Juniors con un passato anche al Betis Siviglia, è uno dei nomi più importanti proposti alla dirigenza partenopea, assieme all’altro giovane del Banfield, vincitore del torneo d’Apertura e rivelazione del campionato, Pablo Vergara (classe ’88). Quest’ultimo potrebbe fare veramente al caso del Napoli visto che oltre a saper attaccare ha anche spiccate doti difensivi: proprio come quelle che Mazzarri chiedi per uno dei due esterni. L’affare è solo allo stato embrionale ma già dei giudizi positivi sono arrivati per questo calciatore. In tema centrocampo il River ha proposto Ahumada. La dirigenza dei milionarios è in difficoltà economica e punta a vendere molti dei suoi giocatori migliori. Il River ha messo sul piatto anche gli esterni mancini Orban e Villagra.

 

Il Brasile e L’Uruguay Il tour di De Laurentiis non si ferma solo in Argentina ma passa anche per il Brasile, dove Boquita del Corinthians e Maylson del Gremio sono altri due giocatori proposti che hanno delle ottime qualità. Sopratttutto Boquita, giovane che milita nella Nazionale Under 20 del Brasile, ha dei grandi estimatori ed ha siglato anche un gol nei recenti Mondiali di categoria in Egitto. Tiro potente e tecnica sopraffina sono le armi migliori di questo esterno mancino che piace a molti club della platea internazionale. Intanto il cinque De Laurentiis si recherà in Uruguay dove avrà contatti con uno dei procuratori di Gargano: in quel contesto si metteranno appunto le cifre del nuovo contratto del centrocampista partenopeo, ma qualche altro amo sarà gettato per individuare calciatori che interessano al Napoli.  

 Napoli, fatta per Basha?

Il Napoli cerca giovani di talento Mijgen Basha, 22 anni del Frosinone, è uno di questi. Bigon vi ha messo gli occhi addosso già da tempo e lo svizzero a suon di buone prestazioni, condite da qualche gol, si è messo sempre di più in evidenza. Ora, secondo quanto riferisce l’edizione odierna di Repubblica, il Napoli avrebbe concluso l’affare con il Frosinone opzionando il calciatore per giugno. Dunque gli azzurri lascerebbero Basha in ciociaria fino a fine stagione e poi lo farebbero rientrare nel prossimo campionato. Daltronde il ds del Frosinone, proprio ai nostri microfoni, si era detto favorevole ad una possibile trattativa con la società partenopea. 

foto e testo napolipress              inserito da michele d elucia