MORTO HAROLD PINTER, PREMIO NOBEL NEL 2005

0

ROMA – ”Ho scritto 29 piece in 50 anni, non e’ abbastanza? Certamento lo e’ per me”. Harold Pinter amava ripetere questa frase negli ultimi anni, segnati dalla malattia che lo aveva colpito nel 2002, dalla soddisfazione di aver avuto il Premio Nobel nel 2005, ma anche dalla rinnovata voglia di impegno politico e di difesa dei diritti civili, che lo aveva fatto attaccare duramente Bush e Blair. Lo scrittore, scomparso a Londra all’eta di 78 anni, aveva infatti gia’ consegnato la sua opera al passato, vendendo il suo archivio alla British Library, giusto un anno fa per 1.65 milioni di euro.

Centocinquanta scatoloni contenenti lettere, manoscritti, fotografie. Tra le gemme preziose quella del capitolo segnato dalla sua amicizia con Samuel Beckett, con il quale condivideva la passione per cricket e il rugby, ma anche ovviamente quella teatrale. Non e’ certo un caso, anzi indica la forza di suggestione che ha la sua opera, il fatto che dal nome di Harold Pinter sia nato un aggettivo, pinteriano, che segue, ma si diversifica da beckettiano, derivato dal nome dell’autore di cui e’ sempre stato considerato un po’ l’erede.

 Il primo esprime comunque un disagio, una sensazione forte di incertezza e timore, mentre l’altro ha un sapore di catastrofe e smarrimento piu’ totale. Raramente un autore e’ stato cosi’ immediatamente metaforico per forza poetica, per qualita’ e invenzione drammatica come Harlod Pinter, che era considerato da tempo un classico del Novecento. Non si e’ mai tirato indietro davanti all’impegno civile e col tempo e’ passato da una vena piu’ esistenziale a una piu’ decisamente politica mantenuta fino all’ultimo.

Di pochi mesi fa il suo ultimo appello per fare giustizia ed individuare i responsabili dell’uccisione di Anna Politkovskaia. Il suo impegno radicale contro ogni prevaricazione del potere, anche quello democratico, e in nome della pace, che diventa pubblico negli anni del governo Thatcher, lo avvicina, per certi versi, a un altro premio Nobel, Dario Fo.

 L’impegno lo avvicino’ anche ad Arthur Miller con il quale nel 1985 fu protagonista in Turchia di una violenta denuncia dell’oppressione politica che costo’ ad entrambi la cacciata: ne nacque la commedia Mountain language. Ma tanto fu diretto nella vita quanto invece allusivo sulla scena, dove diede vita al teatro della minaccia (”La vita di ognuno di noi e’ sempre minacciata e incerta. Viviamo nella repressione e fingiamo di vivere nella liberta”).

 La sua e’ l’arte di scrivere per sottrazione, costruendo personaggi e vicende esemplari, sganciate da ogni contingenza. E nonostante questo riuscendo a farli sentire vivi, concreti, esemplari. Vale per le figure dei primi drammi anni Cinquanta e Sessanta, dal ‘Calapranzi’ al ‘Guardiano’, come per quelli piu’ politici degli ultimi venti anni, da ‘Il bicchiere della staffa’ a ‘Ceneri alle ceneri’, passando per le tragicommedie che trattano apparentemente dell’amore e delle sue menzogne, da ‘L’amante’ a ‘Tradimenti’, ma che forse parlano di inganni ben piu’ profondi e esistenziali, della morte inevitabile di illusioni e speranze. Pinter, nato ad Hackney, un sobborgo di Londra, il 10 ottobre 1930, inizio’ la sua carriera teatrale come attore, prima frequentando grandi scuole di recitazione, poi girando l’Irlanda con una compagnia shakespeariana con lo pseudonimo di David Barron.

 La sua carriera di drammaturgo inizio’, quasi per caso, nel 1957, quando scrisse per un amico in quattro giorni un atto unico intitolato ‘La stanza’. Del 1958 il celebre ‘Festa di compleanno’, in cui due ignoti visitatori piombano a casa di un giovane misantropo che vive isolato. Ancor maggiore impatto suscita il lavoro di Pinter quando gli argomenti diventano piu’ drammatici, e si capisce che il riferimento e’, per esempio, alla tragedia dei desaparecidos argentini in ‘Il bicchiere della staffa’ del 1984 o alla Shoah in ‘Ceneri alle ceneri’ del 1996.

Autore del suo tempo, Pinter ha anche scritto testi radiofonici, volumi di poesia e sceneggiature per il cinema, legando il suo nome a film di qualita’ e successo, come ‘La donna del tenente francese’ di Reisz, per cui e’ stato candidato all’Oscar e al Golden Globe, ‘Cortesie per gli ospiti’ di Schrader, ‘Messaggero d’amore’ di Losey. Ha adattato per il cinema anche il capolavoro di Proust, mai realizzato e uscito solo in volume.


ansa.it                     inserito da michele e Lucia


visita il mio blog


 


http://ilblogdimikidelucia.myblog.it


 

Lascia una risposta