SORRENTO UN PUNTO A DENTI STRETTI – Ripa fa paura alla capolista

0

LEGA PRO-1^ DIVISIONE-GIRONE B-13^ GIORNATA UN PUNTO A DENTI STRETTI Ripa fa paura alla capolista CROTONE – SORRENTO 1 – 1 Marcatori: 4’pt Ripa (S); 9’st Rossi (C) CROTONE(4-2-3-1): Farelli, Galeotto, Borghetti, Rossi, Morleo; Galardo, Pacciardi; Petrilli(18’st Triarico), Espinal(1’st Paponetti), Basso; Russo(40’st Vicedomini). A disp: Concetti, Figliomeni, Aurelio, Caetano. All: Moriero Francesco. SORRENTO(4-4-2): Botticella; Vanin, Lo Monaco, Minadeo, Panarelli; Fialdini(20’st Strambelli), Nicodemo, Maiorano(40’st Agnelli), Angeli; Giampaolo(35’st Biancone), Ripa. A disp: Spadavecchia, Kras, Greco, Virtanen. All: Simonelli Gianni. ARBITRO: De Faveri Andrea di San Donà di Piave (Messina-Cannistrà) AMMONITI: 6’pt Pacciardi ©, 21’pt Vanin(S), 31’pt Borghetti©, 42’pt Galardo©; 18’st Fialdini(S), 22’st Minadeo(S), 31’st Botticella(S) NOTE: giornata nuvolosa con pioggia, terreno allentato, spettatori 2000 circa (40 da Sorrento) ANGOLI: 11-3 RECUPERO: 0’pt, 5’st MIGLIORI – Crotone: Galeoto, Morleo, Galardo, Basso, Russo, Paponetti. Sorrento: Botticella, Vanin, Panarelli, Fialdini, Ripa, Giampaolo, Strambelli, Non era una impresa facile ma ci si doveva riuscire a ritornare da Crotone, dal campo della capolista, con un risultato positivo. Dopo due sconfitte consecutive, con qualche mugugno che era nell’aria e con la fortuna che aveva qualche debito. La risposta di Simonelli e company è stata, a denti stretti, più che positiva. In una gara che si è rivelata, com’era nell’aria, difficile, ostica e specie in qualche frangente, a tamburo battente. Senza mai avere un attimo di tregua, con i pitagorici che dopo il pareggio hanno fatto vedere i sorci rossi a Botticella ed alla difesa sorrentina. Il primo tempo ha visto un Sorrento cinico, senza veli che sapeva ben rintuzzare le flebili offensive calabresi. I quali hanno cercato di imbastire qualcosa. Senza però fare molto danno alla retroguardia dei rossoneri. Che specie in difesa chiudevano bene gli spazi per poi ripartire in velocità. E sono subito passati in vantaggio con Ripa al 4’ con una palla bassa ed angolata. Su un cross di Vanin, dal quale sono partite molte azioni, dalla sinistra che ben imbeccava l’ariete costiero. Il Crotone si è fatto vivo, insistente, determinato ed è stato un po’ sfortunato, nella seconda parte. Ha pareggiato al 9’ con un colpo di testa del capitano Rossi su un cross di Basso. E per tutta la ripresa ha creato pericoli che il Sorrento ha sventato a denti stretti e con affanno. Lo testimoniano gli undici angoli battuti dal Crotone. A far riscaldare i guantoni a Botticella ripensava al 1’ Petrilli ed era il primo calcio d’angolo. Ma veniva subito la doccia fredda di Ripa per gli ionici. Lo stesso Ripa mancava il raddoppio al 16’ con una palla che faceva la barba al palo. I locali si facevano vivi al 34’ con Galardo, ma l’estremo ospite parava senza affanno. Poi al 42’ un mezzo pasticcio di Farelli favoriva il Sorrento che in area crotonese batteva una punizione in due. La palla di Giampaolo si infrangeva sulla barriera e poi finiva alle stelle. Nella ripresa il timbro del pareggio di Rossi che cominciava la samba ionica. Che continuava con una punizione-missile di Morleo deviata in angolo da Botticella. Da ora in poi sarà il primo attore. Ma prima sbaglia di testa Russo solo in area. E poi lui entra in scena. Su una palla a fil di traversa di Triarico al 30’. Dopo un’azione tambureggiante iniziata da rovesciata di Paponetti che colpisce la traversa. La palla va a Basso il cui tiro è salvato sulla linea da un difensore. Poi finisce a Paponetti e la risposta è la respinta del portiere sorrentino. Il tutto al 44’., prima del triplice fischio. Ed il Sorrento? Stringe i denti e risponde flebilmente con Strabelli (38’) ed Agnelli (43’). NOVANTUNESIMO. Molta soddisfazione nello stanzone sorrentino. Con un Simonelli che sulla classifica bugiarda conferma che “questa è la classifica che abbiamo e meritiamo questo”. Sulla gara odierna “il risultato ci fa morale”. Ma “il Crotone ha premuto molto –si riferisce al secondo tempo- e noi siamo riusciti a controbattere anche se non con lucidità ma con energia”. Il portiere Botticella si dice contento “più della prestazione del Sorrento che ha saputo soffrire anche in una gara difficile” che “della mia”. Ed ammette che “oggi c’è stata anche la fortuna che con noi aveva un debito”. Sul versante ionico mister Moriero, un po’ orgogliosamente, elogia la squadra che “ha reagito bene dopo il gol sorrentino” e “nel secondo tempo il Crotone ha fatto vedere chi era in casa”. “Se affronteremo le gare con questa mentalità (reattiva e concisa dopo il pareggio) sarà difficile per tutti”. Non ritiene che il primo tempo sia stato a favore del Sorrento. Perché “è stato molto equlibrato”. Mentre il d.s. Ursino sul Sorrento si è espresso favorevolmente. Come tutti quelli che lo hanno visto. Ora non resta che rivincere al Campo Italia già da domenica prossima. Contro il redivivo Pescara (20 punti a centro alta classifica) ma barcollante societariamente. Che ha battuto sonoramente la Juve Stabia. E ricominciare a risalire la china dai 14 punti della zona play out. Mentre in testa c’è sempre il Crotone con 26 punti seguito dal Gallipoli con 24. E domenica big match fra entrambe in Puglia. GIUSEPPE SPASIANO