DI GENNARO ABBATTE IL SORRENTO – Akarakiri nel secondo tempo

0

LEGA PRO-1^ DIVISIONE-GIRONE B-12^ GIORNATA DI GENNARO ABBATTE IL SORRENTO Akarakri nel 2 ° tempo GALLIPOLI – SORRENTO 3 – 1 Marcatori: 6’st (rig) e 20’st Di Gennaro(G), 31’st Ginestra(G), 33’st Giampaolo(S) GALLPOLI(3-5-2):Rossi6,5;Bonatti6,Molinari6,Antonioli6;Vastola6,Russo6(34’st Zampa6),Esposito6,Mounard5,5(17’st Riccardo6),Cangi6,Di Gennaro7,Ginestra7(38’st Giacomini6). A disp: Marcandalli,Suriano,Cini,Marzerglia. All: Giannini Giuseppe SORRENTO(4-4-2):Botticella6,5;Iorio5,Lo Monaco6,Panarelli6,Angeli5,5;Fialdini6,Nicodemo6,Maiorano5,5(30’st Agnelli6),La Vista5,5(14’st Strambelli6);Myrtaj6(12’st Giampaolo6),Ripa6. A disp:Spadavecchia,Vanin,Greco,Kras. All: Simonelli Gianni ARBITRO: Manna Vincenzo di Isernia (Bagnato-Fascetti di Reggio Calabria) ESPULSO: 6’st Iorio(S). AMMONITI: 13’pt Bonatti(G), 38’st Esposito(G); 15’st Strambelli(S). NOTE: giornata serena, erba artificiale buona, spettatori 1000 circa (40 sorrentini) RECUPERO: 1’ pt e 4’ st Di Gennaro con un uno due mette ko il Sorrento ed è il principe della giornata. Con i rossoneri che hanno avuto due volti. Quello del primo tempo che hanno ben rintuzzato le azioni gallipoline. Anzi hanno fatto la gara mettendo in pericolo la porta di Rossi. Quello del secondo in cui sotto l’incalzare dei locali si sono sbandati ed hanno finito con il pagare lo scotto. Dapprima con l’atterramento in area di Di Gennaro ad opera di Iorio al 6’st. Doppia doccia fredda per i sorrentini. Espulsione del difensore e calcio di rigore. Che lo stesso Di Gennaro trasformava e poi raddoppiava al 20’ st di testa su un calcio d’angolo di Esposito. Ma non era finita qui. L’altro peperino ionico, Ginestra, ci metteva la sua rete al 31’st insaccando da pochi passi. Dopo una corta respinta di Botticella su una palla dal limite di Riccardo. E la partita praticamente poteva dirsi chiusa qui. La rete della bandiera al 33’st veniva siglata dall’intramontabile ex juventino, Giampaolo, che con un pallonetto metteva fuori causa Rossi. Un Sorrento che ha ricalcato un po’ la partita contro il Foggia. Un buon primo tempo nel quale i pugliesi hanno dovuto soffrire in qualche occasione. Sia per arginare qualche folata offensiva costiera che qualche palla che ha sibilato vicino i legni di Rossi. Che hanno tremato già al 3’ con un pallonetto di Myrtaj che colpiva la traversa. E poi ricadeva sulla linea facendo gridare al gol. I giallorossi rispondevano al 4’ con Cangi dalla distanza la cui botta era respinta da Botticella (buona la sua gara). Le redini del gioco erano in mano sorrentina ed Angeli e Myrtaj mettevano paura a Rossi (11’ e 14’). Il primo con una punizione che sfiorava l’incrocio, il secondo lo faceva compiere un miracolo. La gara si vivacizzava anche con i pericoli che creava Ginestra al 19’ ed al 24’. Con una girata al volo ed un salvataggio in extremis di Lo Monaco sulla linea. La stessa cosa accadeva quasi a Ripa con l’estremo locale che lo anticipava con i piedi (33’). Ma ad esporre i guantoni prima dell’intervallo era Botticella su una conclusione defilata di Ginestra. Nella ripresa dopo l’intervento liberatorio in angolo di Panarelli su Russo(3’). Ed il non aggancio per poco di Ripa(4’). Avviene il fattaccio del rigore con l’espulsione e poi il raddoppio che taglia le gambe ai sorrentini. Mister Simonelli corre ai ripari innestando i vari Strambelli, Agnelli e Giampaolo. Ed i sorrentini cercano una reazione con Ripa al 29’ che Rossi è bravo a respingere. La terza rete della squadra del prinicipe chiude definitivamente la saracinesca. E Giampaolo sigla il gol della bandiera. Gli strenui tentavi di Strambelli e Ripa chiudono una gara da dimenticare in fretta. E non lo sarà facile perché gli uomini del duo presidenziale Castellano-Gambardella avranno un’altra difficile trasferta. Domenica sono di scena all’ Ezio Scida di Crotone. Contro la capolista che ha 24 punti ed in casa ne ha lasciati pochi alle avversarie. Ed il Sorrento che avendone 13, è in zona play out, deve “ridimensionare i suoi obiettivi”. Come ha sottolineato il direttore sportivo Pagni. Nel team tutti sono amareggiati ed arrabbiati. Ma lo è di più mister Simonelli che valutando la gara commenta che “il primo tempo è stato giocato bene”. Poi “il calcio di rigore e l’espulsione ci hanno tagliato le gambe la concentrazione”. Sarà una settimana da stare tranquilli per valutare i perché degli errori in difesa. Augurandoci che non ci sia in agguato un gatto nero e si allontani al più presto.


GIUSEPPE SPASIANO