Piano di Sorrento: Sciopero Alitalia, rinviati i funerali di Mario Castaldi.

0

Piano di Sorrento: Rinviati i funerali del capitano ucciso.


di Vincenzo Maresca.


Piano di Sorrento. Slittano i funerali di Mario Castaldi, il comandante assassinato a bordo del mercantile “Paxi C” a colpi di coltello dal secondo ufficiale di macchina. Centinaia di persone sono infatti rimaste di stucco quando all’ora prestabilita per la cerimonia, le 15 presso la chiesa di Santa Maria di Galatea in Mortora, hanno trovato il portone della basilica chiuso con un manifesto di fresco attaccato con la scritta: “Causa ritardo trasporto aereo i funerali del Comandante Mario Castaldi sono rinviati”. Anche la bara del comandante, attesa da una folla di persone, rimane dunque vittima degli scioperi e dei ritardi aerei che da giorni hanno messo in ginocchio l’Italia. La notizia ha fatto immediatamente il giro della comunità lasciando di stucco tutti coloro che si erano preparati per l’ultimo solenne saluto al feretro del comandante barbaramente assassinato mentre era in navigazione al largo delle coste della Spagna. Davanti al portone chiuso e sul sagrato della chiesa di Santa Maria di Galatea in Mortora sono rimasti accantonati i tanti fiori ordinati da parenti e conoscenti di Mario Castaldi ma anche da semplici amici che non hanno voluto perdere l’occasione per essere presenti. Qualcuno, indispettito dall’accaduto, non si è perso d’animo e per non lasciare marcire i fiori li ha trasportati al cimitero di Piano di Sorrento per farne dono alle tombe dei defunti. Purtroppo, data l’ora, il cancello del camposanto non era ancora aperto al pubblico. Alcuni fasci di fiori sono stati lasciati davanti all’ingresso con un bigliettino che invitata il custode a gratificare il sepolcro di qualche dimenticato. “E’ una vergogna, ha commentato una anziana signora che già dalle 14 e 30 si era mossa di casa per essere presente alla cerimonia funebre del comandante Castaldi. In Italia andiamo sempre peggio, non c’è rispetto per nessuno, nemmeno per i defunti. Grazie agli scioperi negli aeroporti chissà quando potranno essere celebrati i funerali del comandante che oltre ad essere stato brutalmente ucciso riceve adesso una beffa che nessuno dimenticherà”.