Vico Equense: Arrestato pregiudicato in possesso di pistola da guerra.

0

Vico Equense: Fermato pregiudicato armato di pistola.


di Vincenzo Maresca.


Vico Equense. Girava di notte a bordo di un’auto presa a noleggio armato di una pistola di fabbricazione americana con 4 cartucce nel caricatore. Fermato dai carabinieri e sottoposto ad accertamenti dall’archivio dei militari dell’Arma è emersa la figura di un noto pregiudicato con una sfilza di precedenti per furto, rapina, rissa, estorsione e minacce. Dopo l’arresto è stato condotto in camera di sicurezza in attesa del processo con rito abbreviato per direttissima presso il tribunale di via degli Aranci di Sorrento. Il fermo è avvenuto intorno alle 5 del mattino quando nella centralissima piazza Umberto I una radiomobile dei carabinieri della stazione di Vico Equense diretta dal maresciallo Antonio Lezzi e coordinata dal capitano Massimo De Bari della compagnia dell’Arma di Sorrento ha fermato un’auto, un’Alfa Romeo 159, con al volante R. B. , un 34enne di Vico Equense già noto alle forze dell’ordine. Riconosciuto il pregiudicato i carabinieri hanno avviato una serie di indagini sul possesso dell’auto risultata presa a noleggio con la perquisizione degli interni. Nel portabagagli dell’auto i militari dell’Arma hanno rinvenuto una pistola da guerra semiautomatica di fabbricazione statunitense, una Colt 45 già in dotazione all’esercito degli Stati Uniti, munita di caricatore contenente 4 cartucce calibro 45 magnum. In seguito ad ulteriore perquisizione dei vani dell’automobile i carabinieri hanno rinvenuto una busta di cellophane contenente ulteriori 14 cartucce calibro 45 magnum . La pistola e le munizioni sono state poste sotto sequestro, il pregiudicato arrestato e denunciato alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata per detenzione e porto abusivo di arma da fuoco da guerra e munizioni. Immediata l’apertura delle indagini per risalire alla provenienza della pistola di fabbricazione americana, risultata dalla banca dati non censita e pertanto introdotta in Italia in maniera illegittima. Al vaglio degli investigatori anche l’attività del pregiudicato arrestato all’alba e trovato in possesso della pistola per verificarne l’eventuale appartenenza a famiglie malavitose.