SALERNO UOMO TENUTO IN SCHIAVITU´ AD EBOLI

0

I Carabinieri della Compagnia di Eboli, la scorsa notte, hanno fatto irruzione in una casa rurale su due livelli ubicata alla periferia di Eboli, in località Scorziello, liberando CDS, 45 enne ebolitano, tenuto segregato al piano terra, con minacce e violenze, dal proprietario del manufatto Alessandro Somma, 54 anni, di Campagna, arrestato per sequestro di persona e riduzione in schiavitù.


L’odissea dell’uomo liberato andava avanti da almeno un paio d’anni. In due diverse circostanze era riuscito a sfuggire dalle mani dell’energumeno, trovando rifugio presso un amico e strutture sociali del salernitano, ma entrambe le volte era stato rintracciato e riportato con forza nel casolare di Eboli, ove veniva trattato come uno schiavo, costretto a lavorare nei campi di giorno ed a “riposare” la notte in un tugurio privo di pavimentazione, servizi igienici, energia elettrica ed acqua, divenuto man mano sempre più nauseabondo per la presenza di feci e rifiuti che si andavano accumulando.


La sera, al momento di andare a dormire, Somma segregava nel locale al piano terra il poveretto, chiudendo la porta di ingresso del locale con catena avvinta da robusto lucchetto, mentre l’esterno era vigilato da sette pitbull, che impedivano di fatto all’uomo la fuga e la possibilità di soddisfare i bisogni corporali all’esterno. CDS, una volta liberato, è stato affidato ai servizi sociali di Eboli. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto alla casa circondariale di Salerno, mentre la casa rurale è stata sottoposta a sequestro.


6