La P.C.A. under 19 comincia alla grande

0

MINORI – Se quello di domenica era solo un test, un semplice allenamento precampionato per l’ under 18 della costiera, allora si può davvero sognare. Il mach contro la P.C.A. Scafati alla tendostruttura di Minori ha mostrato ottimi segnali in vista della stagione regolare. Questo, dal momento che lo Scafati, da molti è indicata coma la vera antagonista della Sal de Riso alla corsa per i playoff, è stata letteralmente asfaltata nei primi 20 minuti di partita. Il risultato, infatti, fermatosi sul 59-72, dice solo parzialmente il vero. Il quintetto base era riuscito grazie ad una prova maiuscola di Pisacane, a portarsi già al termine del primo periodo sul 15-29, sfatando anche il luogo comune che vuole come miglior difesa l’ attacco. E’ soprattutto lo schieramento sotto il proprio canestro che porta alla ai padroni di casa i migliori frutti. Bravi a rimbalzo, ugualmente in anticipo, i ragazzi riuscivano a far scoprire la P.C.A.., per poi colpirla in contropiede. L’indizio che lasciava presagire una gara nervosa viene già a 30’’ dalla contesa, con un fallo che porta in lunetta Pisacane per i primi due punti del mach. A seguire una tripla di Civale e lo spirito di sacrificio e la coesione dimostrata dal gruppo, sembrano porre una pietra tombale sulla partita. Dal primo quarto in poi, infatti è un decrescendo d’ intensità, con i ragazzi che pur visibilmente meno tesi per lo sviluppo della manovra, incrementano il proprio bottino sottocanestro ed a rimbalzo. Il play Proto, fa girare la squadra nella giusta maniera, ripagato lautamente dai compagni che portano il tabellone a segnare 22-45. La girandola di cambi negli ultimi due periodi frammenta il gioco e spezza l’ ordine. La P.C.A. corre meno e in difesa soffre di più la pressione avversaria. Anche la manovra offensiva ne risente, creando in mezzo al campo troppa confusione. Di conseguenza si cerca il ferro con azioni individuali a discapito della coralità. Scafati ha quindi la possibilità di riavvicinarsi agli avversari riducendo il gap a 15 punti, sempre un’ eternità. Gli ultimi minuti si incanalano verso una chiusura rilassata con i giocatori che sentono di non dover dimostrare più nulla. L’ under 18 esce così dal campo con qualche convinzione in più, utile per il morale al prossimo avvio di campionato.


 


Mattia Boccuti


http://www.basketcostieramalfi.com

Lascia una risposta