Sorrento: Blitz antiabusivismo dei carabinieri, denunciate 19 persone.

0

Sorrento: Operazione antiabusivismo, denunciate 19 persone.


di Vincenzo Maresca.


Sorrento. Blitz antiabusivismo sul comprensorio della penisola sorrentina con i militari dell’Arma impegnati in serrati controlli che hanno portato alla denuncia in stato di libertà di 19 persone ed al sequestro di circa 1300 metri quadrati di manufatti illecitamente realizzati o ampliati. La vasta operazione ha richiesto l’intervento dei carabinieri della compagnia di Sorrento coordinata dal capitano Massimo De Bari e delle stazioni di Massa Lubrense, diretta dal maresciallo Giacomo Sammartano, di Piano di Sorrento, guidata dal maresciallo Daniele De Marini, di Vico Equense organizzata dal maresciallo Antonio Lezzi, con l’ausilio del nucleo navale coordinato dal maresciallo Pierluigi Chiocca. Denunciati A. C. di 63 anni e T. D. G. 85enne, proprietario ed usufruttuario di un manufatto in legno di 25 mq preesistente a Sorrento in via Nastro Verde e completato con infissi ed intonaci con copertura per ricovero auto senza opportuna autorizzazione. Lavori abusivi invece in via Traversa Petrulo a Piano di Sorrento dove sono stati denunciate 3 persone, G. P. , 67 anni, S. D. G. , 92 anni, U. R. , 62 anni, proprietari e committenti di un manufatto in muratura di 50 mq sprovvisto di concessione edilizia. Deferite due persone anche nell’area del demanio all’interno del sito paesaggistico del vallone Lavinola dove G. V. , 59 anni e R. P. M. , 55 anni, avevano abusivamente realizzato 3 stalle in muratura di 25 mq destinate al ricovero di animali. Denunce anche in via Corbo dove il reato di abuso edilizio è stato notificato ad A. P. , 56 anni, per avere costruito all’interno di un complesso turistico un manufatto di 100 mq. In via Campitello invece sono stati denunciati S. L. e A. L. per interventi non dichiarati di ampliamento della propria abitazione. Reati contro l’ambiente a Massa Lubrense dove E. S. 77enne napoletana ed amministratrice e legale rappresentante di società turistica è stata denunciata per avere realizzato su area demaniale in una struttura balneare in località Marciano un chiosco adibito a bar di 15 mq. Manufatto abusivo di 35 mq destinato a deposito anche in via Rotabile Capo D’Arco dove l’avviso di reato è stato notificato a C. G. , 34 anni. Denunciato nella stessa strada anche C. R. , 60 anni, per avere trasformato una finestra in vano porta, realizzato un deposito in muratura ed alluminio di 15 mq ed una baracca in ferro e lamiere zincate con pavimentazione in calcestruzzo. Sempre in via Rotabile Capo D’Arco denunciato C. R. , 65 anni, per avere costruito un parapetto in muratura su un locale preesistente con copertura di tettoia in legno e tegole. In via Castagna denunciato P. V. 39 anni, per la realizzazione di un muro perimetrale a protezione di una scala esterna all’abitazione. A Vico Equense denunciato R. M. D. P. 47 anni per la costruzione abusiva di un muro di contenimento di terrapieno in via Raffaele Bosco con pietre calcaree e cemento. Denunciato in via Gradoni M. B. , 43 anni, per la costruzione di manufatti in cemento armato e muratura di 25 mq ricavati dallo sbancamento di terreno vegetale e pietra calcarea. Nel villaggio turistico di corso Caulino la notifica per reato edilizio è giunta per G. G. , 37 anni, M. G. , 74 anni, rispettivamente amministratore e committente di lavori di ampliamento abusivi della struttura.

Lascia una risposta