IL SORRENTO PASSA IL TURNO DI COPPA Greco factotum: reti ed espulsione

0

COPPA ITALIA-LEGA PRO-PRIMO TURNO-FASE FINALE IL SORRENTO PASSA IL TURNO DI COPPA Greco factotum: reti ed espulsione SORRENTO – REAL MARCIANISE 3-2 MARCATORI: 8’pt, 42’pt e 5’st Greco(S); 26’st Merola(M), 42’st Romano(M) SORRENTO(4-2-3-1): Spadavecchia6;Vanin6,5,Iorio6,Minadeo6,Kras6(21’st Angeli6);Greco7,Ferrara6(35’st Visone6);Strambelli6,5,Agnelli6,Virtanen6(28’st De Martis6);Barreca6. A disp: Casadei,Nicodemo,La Vista,Lo Monaco. All: Gianni Simonelli. REAL MARCIANISE(4-3-3): Mezzacapo6,5;Ciano6,Porpora6,Raucci6,Sinonna6(25’st Prinzi6);Romano6,Compagnone6,Montanari6;Manco6,5(1’st Merola6),Innocenti6(1’st Secondulfo6),Corace6. A disp: De Luca,Filona,Murolo,Di Napoli. All: Luca Fusi. ARBITRO: La Mura Carmine di Nocera Inferiore(SA) (Santangelo-Di Lascio) ESPULSO: 9’st Greco(S) per fallo di mano NOTE: giornata soleggiata, erba artificiale ottima, spettatori 500 circa. Al 26’pt rigore fallito da Agnelli(S) ANGOLI: 5-5 RECUPERO: 0’ pt e 5’st Sorrento. Il mattatore di questo mercoledì di coppa è stato il giovane di scuola Lazio, Greco Daniele. Ha siglato le tre reti ed è stato espulso. All’ 8’ ha messo nel sacco una palla respinta da Mezzacapo su un cross di di Strambelli. Poi verso la fine del primo (42’) si ripete, sempre su un cross di Strambelli, stavolta rasoterra, ed insacca da pochi passi. Ed infine al 5’ della ripresa con un diagonale su sponda di Barreca. Dopo il gesto istintivo di fermare con un braccio un rilancio dalle retrovie avversarie a centrocampo (9’). E cartellino rosso diretto mostratogli dal direttore di gara. Così i locali restavano in dieci per tutto il tempo da giocare. Non risentendo molto di questo episodio poiché il risultato era stato già messo al sicuro. Anche se i giallorossoverdi da quel momento in poi, con i costieri che arretravano il baricentro, tentavano il tutto per tutto. Facendo quasi venir la pelle d’oca fino al 90’ all’undici di mister Simonelli con le due reti di Merola e di Romano. La prima al 26’ su un fortunoso rimpallo e la seconda al 42’ dal limite a fil di palo. La gara, che è stata calma, tranquilla e corretta, con un ritmo blando, ha visto un Sorrento deciso e concentrato sin dalle prime battute. Nonostante il turn-over attuato da entrambi i tecnici, le seconde linee hanno dimostrato di saper bene giostrare la palla. Con fraseggi di prima cercando sulle fasce di sorprendere l’avversario. Ci ha provato molto il Sorrento cercando Strambelli che ha dato sul lato destro un po’ da fare al suo marcatore di turno. Ma anche Virtanen dall’altro lato ha fatto le sue buone sortite. Il Real ha fatto girare molto la palla non impensierendo Spadavecchia. Poi dopo l’espulsione alzando il baricentro ci ha messo lo zampino per due volte. Il Sorrento iniziava ha dire la sua con la rete d’apertura di Greco. La risposta marcianisana era al11’ con Romano che costringeva in angolo Iorio. Al 21’ un diagonale di Manco terminava al lato. Poi il rigore fallito da Agnelli mandato nettamente sulla traversa (26’), concesso per un fallo su Greco. Una stasi di dodici primi e Barreca tira alto. I locali riprendono a macinare ed al 40’ ed al 41’ Strambelli fa venire i brividi a Mezzacapo (parata in due tempi e sfera di poco alta). Il secondo gol di Greco chiude la prima parte. Ed apre la seconda con la sua terza rete personale. Mettendo al sicuro, o quasi, il risultato. Dopo esce di scena per l’ingenuo fallo. Così gli ospiti prendono un po’ di fiato che immettono nei restanti minuti. Con Montuori (10’) e Ciano (11’). Poi dimezzano le distanze con Merola e Romano. Ma i locali nell’intermezzo potevano siglare addirittura la quarta rete con Virtanen che cercava di sorprendere Mezzacapo con un pallonetto. In definitiva entrambi gli allenatori sono restati soddisfatti della prova offerta dalla loro squadra. Per mister Simonelli abbiamo “fatto bene anche in dieci uomini a parte qualche momento fortuito”. Alludendo ai gol subiti e che “sono stati due episodi”. La gara “ è stata importante per verificare quelli che non hanno giocato ed è stato un importante test per questi ragazzi”. Mentre del derby di domenica all’ Italia contro il suo ex Benevento conferma, con qualche malinconia, che “ per me è una gara speciale perché è passato poco tempo per mettere da parte quei giorni”. Ma “siamo fiduciosi, stiamo crescendo e siamo sereni”. La gara sarà giocata senza tifosi ospiti come ha deciso il Cams. Per il giovane Greco il fattaccio “è stato un gesto istintivo. Era meglio che restavamo in undici” . Ed ammette che “è la prima volta che mi capita una tripletta”. Sul fronte marcianisano mister Fusi sottolinea che “è andata bene. E’ stato un buon allenamento ed una discreta gara”. “Nell’arco dei 90’ –ammette- il Sorrento ha meritato di più”. Mentre sul campionato rimarca che “è da come vanno le partite. Ci sono buonissime squadre e non mancherà qualche sorpresa”. GIUSEPPE SPASIANO