POSITANO CITTA´ DEI MATRIMONI, 95.000 EURO PER IL COMUNE CON IL 30% IN PIU´

0

 Positano. Cittá verticale, cittá romantica e, ora più che mai, cittá dei matrimoni. Positano si merita appieno tutti gli appellativi finora coniati appositamente per lei e, soprattutto, quello riguardante il paese dei sì. Perché, da un po’ di tempo, celebrare le nozze, soprattutto quelle con rito civile, è diventato un vero e proprio business. E, nel caratteristico paese del comprensorio amalfitano, è coordinato direttamente dal Comune  Positano, con Ravello, è leader in costiera amalfitana per i matrimoni, poi segue Amalfi, a distanza Praiano, Atrani, Maiori, Minori e Cetara, mentre in penisola sorrentina eccelle Sorrento e fra le isole Capri.
• Non per niente esiste un apposito ufficio ai matrimoni, con una responsabile ad hoc Silvana Cinque.  che è stato istituito dall’attuale Amministrazione che ha il precipuo compito di seguire i novelli sposi, passo dopo passo, in tutta la trafila burocratica. Anche perché, come dimostrano i dati, dichiararsi amore eterno a Positano, sembra essere diventato un vero e proprio status symbol, destinato a non passar mai di moda. Nel 2008, infatti, solo a Palazzo di cittá, sono state unite più di 150 coppie. E, rispetto allo scorso anno, vi è stato un aumento di circa il 30 per cento. Con 95.000 euro di entrate
• Le cifre, tuttavia, sembrano destinate a lievitare ancora di più, anche per via dell’accurata organizzazione messa in piedi dall’Amministrazione comunale. Che offre vari servizi, tra i quali anche quello di una iscrizione, previo consenso degli interessati, ad una mailing list, per essere in contatto con altri sposi e, semmai, decidere di fare una rimpatriata proprio nel paese in cui si è giurati amore eterno. Del resto, per la stragrande maggioranza, le coppie unite in matrimonio sono straniere e, in particolar modo, provenienti dalla Gran Bretagna, dagli Stati Uniti e dall’Australia. E, quindi, si è cercato di concepire un progetto che potesse, oltre che lasciare pienamente soddisfatti sia i novelli marito e moglie che gli ospiti, anche fidelizzare i turisti. Perciò, tra i vari pacchetti disponibili, è possibile celebrare il matrimonio fino alle 23, al chiaro di luna, dal lunedì al sabato. • • Tra i benefit per gli sposi “positanesi”, inoltre, c’è anche la possibilitá di usufruire di uno sconto, pari al 10 per cento, negli hotel che hanno aderito all’iniziativa, nel caso in cui decidessero di ritornare nella cittadina della Costiera, nei tre anni successivi alla data della celebrazione delle nozze. «L’idea di costituire un ufficio ai matrimoni – spiega il primo cittadino Domenico Marrone -è stata concepita per non far gravare tutto il peso sull’anagrafe. Gli addetti curano tutti i dettagli e sostituiscono gli amministratori nella cerimonia nuziale. Il nostro dovere, d’altronde, è quello di promuovere le bellezze e di far sviluppare le potenzialitá di Positano. Che è il luogo ideale dove tramutare in realtá i sogni d’amore». Ma quanto costa dichiararsi amore eterno a Positano? Le tariffe predisposte dal Comune non sono per nulla esose e possono essere alla portata di tutti. Vanno, infatti, da un minimo di 400 euro, fino ad arrivare ad un massimo di 1500 euro. Tutto dipende dall’ora in cui si è deciso di celebrare le nozze e dal giorno prescelto. Perché se si stabilisce di unirsi in matrimonio tra il lunedì e il venerdì, negli orari d’ufficio, allora viene applicato il prezzo più basso. Con un surplus di 200 euro, tuttavia, sempre dal lunedì al venerdì, la cerimonia può essere celebrata al di fuori degli orari canonici. Si devono, invece, sborsare 1500 euro per far sì che le nozze si svolgano il sabato, oppure dopo le 19 di qualsiasi altro giorno feriale.
• In tutti i pacchetti, comunque, è compreso un bouquet di fiori, come centro tavola, e una mattonella ricordo in ceramica, rigorosamente fabbricata a mano. Per il matrimonio da 1500 euro, inoltre, viene offerto agli sposi e agli invitati anche dello spumante italiano. Sul sito del Comune (www.comunedipositano.it), sono disponibili tutte le altre informazioni, a cominciare da quali documenti preparare in vista delle nozze. E, per di più, è possibile mettersi in contatto con l’ufficio preposto, per chiedere ulteriori spiegazioni. (g.d.s.)

Lascia una risposta