BAMBINO DI 9 ANNI SBRANATO DA CANI RANDAGI NEL BENEVENTANO

0

Un bambino di 9 anni è stato ucciso da un branco di cani randagi. La tragedia è avvenuta a Circello, intorno alle 18.30, in località contrada Campanaro, nel beneventano. Mattia Maddalena  in provincia di Benevento in Campania si trovava poco lontano dalla sua abitazione (un’azienda agricola in una zona di campagna) quando è stato aggredito dagli animali.

A fare la scoperta è stato suo padre che, uscito di casa per andare a cercarlo visto che il piccolo non rientrava, lo ha trovato a distanza di alcune decine di metri dall’abitazione riverso a terra esanime in una pozza di sangue. Secondo il medico legale il bambino è morto dissanguato a causa delle gravi ferite causate dai morsi al collo e da numerosi graffi sul volto provocate da unghie da cani.

L’ipotesi che a uccidere il bambino siano stati dei randagi è confermata anche dal fatto che sul pastore maremmano, di proprietà della famiglia, non sarebbero state rinvenute tracce di sangue.

La salma di Mattia sta per essere trasferita all’obitorio dell’ospedale Rummo di Benevento dove domani verrà eseguito l’esame esterno del corpo del piccolo da parte del medico legale, professor Fernando Panarese. Sempre domani il magistrato potrebbe disporre l’autopsia.

Non è la prima volta che un bambino resta vittima dell’aggressione di un cane: a settembre, a Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, una ragazzina di 12 anni, mentre difendeva il suo cagnolino, fu aggredita da un dobermann e venne ferita al collo. Prima ancora, a gennaio di quest’anno, un cane randagio azzannò un bimbo di 9 anni, in provincia di Catania: 35 i punti di sutura. Ed ancora, sempre nel catanese, a Caltagirone, a marzo un bimbo di quattro anni fu azzannato al collo dal suo rottweiler: in quell’occasione la madre riuscì a salvare il piccolo