Napoli, ucciso dipendente pompe funebri. Aveva denunciato i Casalesi

0

Un dipendente di una ditta di onoranze funebri, Lorenzo Riccio di 47 anni, è stato ucciso stamattina con alcuni colpi di pistola mentre si trovava al lavoro in via Oasi del Sacro Cuore, a Giugliano. I killer, probabilmente due a bordo di una moto, hanno esploso alcuni colpi di pistola che lo hanno colpito a morte.

Riccio negli anni ’90 aveva denunciato un tentativo di estorsione messa in atto dal clan dei Casalesi. Gli investigatori seguono la pista dell’omicidio per vendetta.

La storia di Riccio somiglia a quella di Domenico Noviello, imprenditore del Casertano che aveva denunciato un tentativo di estorsione alla sua impresa da parte dei Casalesi. Noviello è stato ucciso a maggio dai sicari.




                          Michele De Lucia