Tra e book e fumetti digitali, una graphic novel ambientata a Positano e dintorni

0

Su Internet spopolano gli e-book, alternativa virtuale ai libri cartacei, nonché possibilità per i giovani esordienti di far conoscere i loro lavori ed alimentare un passaparola. Oltre a una pletora di aspiranti scrittori ( se ne fate parte vi consigliamo di informarvi su guadagnarescrivendo.blogspot.com e pubblicare su www.edizionidelpoggio.it ), ha trovato larga diffusione anche il fumetto. Oltre a vari editori digitali che propongono le loro serie (in campo italiano è da segnalarsi www.subacqueo.it e www.cagliostroepress.com  ), frugando bene nel web, andando a trovare i fumettisti sui loro siti, praticamente nella libertà di casa loro, è possibile scoprire gioiellini virtuali alcuni dei quali sono ambientati proprio nel nostro territorio. E’ il caso della giovane fumettista Naima Valeria Amarilli, che ha appena messo online sul suo sito http://janar.altervista.org  il fumetto “Fronn’ ‘e Limon”, dove, mascherate dai loro nomi aulici, sono nascoste Positano, alcune località della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina. Nelle tavole in bianco e nero, dove si muove una protagonista che ricorda un po’ le eroine dai capelli ricci di Manara, si possono scorgere scorci della Marina Piccola di Sorrento, ampie vedute della Spiaggia Grande di Positano con tanto di bar, visione de LiGalli e parti di un limoneto che, volendo ricondurci al nome aulico usato “Capo Ateneo”, dovrebbe trovarsi dalle parti di Punta Campanella. Dopo centellinate anteprime su Kinart (http://kinart.forumfree.net/?t=24194934&st=15) e su Deviantart (http://valamarilli.deviantart.com ) da qualche giorno è possibile leggere il fumetto per intero su http://janar.altervista.org/fronn.htm , in attesa che l’autrice decida se concederlo o meno ad alcune case editrici online come quelle succitate. Nella pagina l’artista svela le fonti che l’hanno ispirata a realizzare questa moderna commedia all’italiana versione fumetto: “Prendendo come coordinate generali le commedie italiane tipo i vari “Pane Amore e…”, la musica brasiliana, i romanzi “solari” di Amado e la musica popolare napoletana, mi ero riproposta di creare un tipo di estetica opposta a quella che utilizzo di solito nei miei fumetti, influenzata dal rock e sempre animata da un quasi wharoliano spirito pop. Cercando di fare nel mio piccolo quello che fece De Andrè con Creuza de Ma, ho elaborato vari spunti realizzando un pot pourri il cui elementi unificatori era sostanzialmente Gioia, Mare e Ritmo.” Annunciate inoltre la traduzione in inglese di “Fronn’ ‘e Limon” con l’evocativo titolo di “Dancing in a Lemon Garden”, impresa ardua visto che la maggior parte dei dialoghi sono in dialetto napoletano, nonché un secondo capitolo in uscita per l’estate prossima, stavolta ambientato ad Atrani. Non è la prima volta che l’artista immortala sotto forma di fumetto le località della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina; in un altro fumetto di cui si è parlato su blog dedicati al motociclismo (http://www.pianetariders.it/2008/06/fummetti-da-riders-motopassione-in-salsa-chili ) , è stata la volta della Statale 163, la mitica strada di Positano tanto amata dai centauri. C’è da sperare che siano sempre di più i giovani artisti nostrani che decidano di “pagare” un contributo artistico alla loro bella terra.