POSITANO DOMANI ALLE DIECI SI SPOSTA LA LAPIDE DI ESSAD BAY

0

Positano. Stava nascendo uno scontro diplomatico con la perla della Costiera Amalfitana e l’Azerbajastan, stato dell’ex unione sovietica, per la tomba di Essad Bay, lo scrittore simbolo del paese caucasico come può esserlo Dante per noi, seppellito nel cimitero di Positano. Il tutto perchè la sua tomba, nel cimitero di Positano, non è rivolta esattamente verso la Mecca, dove dovrebbe, visto che lui era mussulmano. Domani mattina alle dieci a Positano, in costiera amalfitana, verranno dall´Azerbaijan per spostare la lapide della tomba di Essad Bay, lo scrittore più importante della nazione caucasica, anticipatore di temi attualissimi nei suoi romanzi, fra ilmondo arabo e occidentale, e consacratoda un libro del giornalista Tom Reiss, di-ventato oggetto di contesa con la perla della Costiera, che ne ospita le spoglie, con ilGoverno azerbajano. La lapide sarà spostata verso la mecca e sarà la scena finale del film su Essad Bay Positano,voluto dalla Germania, altro paese che loha ospitato, a cura del regista Ralf Mar-schalleck per la Unvert film prodution diBerlino. In sua compagnia la dottoressa Nourida Ateshi, scrittrice e giornalista di Baku, capitaledell´Azerbajastan.“Essad Bay è il nostro scrittore nazionale e deve tornarenella sua patria – dice Nourida Ateshi -, è questa la volontà dell´Azerbajastan e di tutta la sua gente. E´ il nostro orgo-glio nazionale, uno scrittore di caratura mondiale, sono dieci anni che lo sto studiando.”Nourida Ateshi si è recata in biblioteca comunale dove, gra-zie alla bibliotecaria Adriana Canosa, ha visionato le cartedi archivio che parlano dello “scrittore ebreo” che era per-tanto sorvegliato speciale da parte dei fascisti. A far da tra-duttrice è la studiosa Rachele Heine Campodonico che con-ferma. “Essad Bay,per loro è un eroe nazionale – dice Campodonico -. Nel 19-25 ha previsto la caduta del bolscevismo, nel 1934 ha previ-sto la caduta del nazismo e nel 1939, Allah est gross, che hascritto a Positano, ha previsto il terrorismo mussulmano.” Domani saranno presenti la televisione tedesca, la scrittrice, Marco Predieri, il sindaco di Positano Domenico Marrone, lo storico Romolo Ercolino e autorità azerbajane con la scrittrice.


Michele Cinque