RAVELLO FESTIVAL, PER LA PRIMA FASE AUMENTANO LE PRESENZE E GLI INCASSI

0

Primi bilanci per il Ravello Festival, il festival più lungo d’Europa, che quest’anno terminerà il 31 ottobre. Secondo l’organizzazione i dati sono al di sopra delle aspettative: +15% di presenze e +52% di incassi con le le presenze straniere hanno superato il 40%. E i questionari con cui si fa il monitoraggio del pubblico danno un gradimento altissimo per quasi tutti gli spettacoli con i media che stanno seguendo con assiduità i programmi principali.
Il primo concerto di Barenboim è stato trasmesso in mondovisione dalla rete ARTE, la più prestigiosa emittente internazionale di musica classica. L’organizzazione regge perfettamente a un carico di lavoro lunghissimo e intenso: l’intera équipe rappresenta un capitale umano ormai professionalizzato e affiatato, composto in prevalenza da giovani di Ravello e della Costiera Amalfitana. La Scuola di Management Culturale è ormai una realtà imprescindibile: 32 giovani (provenienti dalla Campania, dal resto d’Italia, dal Brasile e dalla Colombia) seguono assiduamente sia le lezioni di grandi Professori (incluso Renato Brunetta, Lucio Dalla, Tonino Perna, Lina Wertmuller, Achille Bonito Oliva e molti Direttori di altri grandi festival), sia le attività organizzative dell’amministrazione, del commerciale, della produzione e della comunicazione. Quanto ai dati ufficiali del turismo a Ravello nei primi sette mesi del 2008, ha avuto un meno 10% di arrivi e un meno 13% di presenze. Un calo molto minore di quello riscontrato negli altri paesi della Campania e della stessa Costa d’Amalfi, dove ha raggiunto e spesso superato il 30%. La performance di Ravello, migliore di quella ottenuta nel resto della Costiera, è dovuta appunto al forte richiamo del festival, che ha compensato in parte gli effetti deleteri della crisi generale. Grandi novità sono in programma al Ravello Festival da settembre ad ottobre: due mesi dedicati alle nuove tendenze in vari campi artistici (dalla musica al design) e che costituiscono il nuovo nucleo di un festival che con la realizzazione dell’Auditorium “Oscar Niemeyer” , sarà in attività 365 giorni l’anno. Un momento importante saròà il convegno su Design acustico degli ambienti confinati, degli spazi urbani e delle aree quiete del 22 settembre, con dimostrazioni sonore per il pubblico del progetto acustico dell’auditorium che ha avuto una straordinaria prima inaugurazione con il concerto di Alesini,Tra gli eventi in calendario, la mostra Intolerance a cura di Achille Bonito Oliva (fino al 31 ottobre – vernissage lunedì 1 settembre), la tre giorni di musica contemporanea con i Neue Vocalsolisten Stuttgart (24-26 settembre), ed infine“Shoes on exhibit” (17 ottobre), esposizione dei tesori del Museo Ferragamo.

Lascia una risposta