POSITANO, VIA BOSCARIELLO. LA GIUNTA RITIRA L´ARGOMENTO

0

La Giunta del Comune di Positano guidata dal sindaco Domenico Marrone ritira in autotutela la delibera che riguardata la rideterminazione di Via Boscariello che ha visto il Consiglio Comunale di Positano in Costiera Amalfitana paralizzato dopo che Giuseppina Mandara, consigliere di maggioranza, ma non è stata la sola a contestare la cosa, ha avuto maggiore clamore perchè è anche consigliere di maggioranza, anche le due minoranze, Michele De Lucia, e Giuseppe Fusco, di Positano Giovane e Libera, aveva chiesto chiarimenti. Al momento l’ipotesi più probabile riguarda un vizio nella procedura, non si capisce se di carattere formale o sostanziale, ma la decisione di revoca è stata presa in autotutela dalla Giunta successivamente al Consiglio Comunale. Una vicenda alquanto delicata. Fra le proprietà interessate quella dei Cappiello. “E’ assurdo che una soluzione sostanzialmente equa sia stata abrogata per delle incomprensioni sulle quali vogliamo vederci chiaro – dice Sandra Cappiello -, i fatti stanno semplicemente così, c’è un leggero sconfinamento sulla strada comunale della nostra proprietà e un identico sconfinamento del Comune sulla nostra proprietà. Ridefinire i confini significa questo e inoltre la strada era vicinale ed è diventata pubblica senza mai fare un atto espropriativo e questo nessuno lo dice. Questa vicenda ci ha creato gravi danni.” Mentre Giuseppina Mandara preferisce non fare commenti ma ha con un atto formale richiesto l’accesso agli atti alla sua stessa maggioranza in quanto non era a conoscenza della vicenda che poteva riguardarla marginalmente, in quanto confinante con Via Boscariello, seppure di una proprietà che non era assolutamente interessata alla rideterminazione, Giuseppe Fusco e Michele De Lucia, i due referenti delle due minoranze consiliari, sono concordi nel ritenere che la procedura non era completa. “Noi abbiamo dichiarato in consiglio comunale che non avevamo capito niente – dice Giuseppe Fusco di Positano, Giovane e Libera -, come si fa a votare una delibera senza gli atti che delimitano evidenzianone i colori la strada interessata? Il problema è sempre la comunicazione, se si facessero i preconsigli e le commissioni i lavori si snellirebbero e non si farebbero errori come questi che creano solo confusione e danni ai cittadini.” “Anche noi abbiamo chiesto di avere maggiori delucidazioni – dice Michele De Lucia -, agli atti non avevamo la normale cartografia che evidenziando con i colori le aree fa capire prima ai consiglieri su cosa si vota” In ogni caso l’amministrazione comunale ha tagliato la testa al toro e ha deciso di ritirare l’argomento revocandolo per autotutela.