PRAIANO URLA E MINACCE DI SUICIDIO NELLA NOTTE, DONNA INGLESE FERMATA DAI CARABINIERI

0

Urla e si chiude in giardino in piena notte a Praiano, minaccia di suicidarsi con un coltello che poi lancia verso un volontario della Croce Rossa. Notte fonda agitata per il cuore della Costiera Amalfitana. Le urla e i canti di una donna  proveniente dall’Inghilterra England, hanno allertato un intero quartiere a Praiano in Via San Giovanni che hanno chiamato i carabinieri di Positano per ben due volte durante la notte, una alle 22 e un’altra alle 2. Giunti sul posto coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Amalfi gli uomini dell’Arma si sono ritrovati di fronte ad una scena incredibile. Una donna inglese di circa quarantasette anni, che vive a Praiano da alcuni anni, urlava e si agitava  nel proprio cortile con una radio a voce alta. La donna già vedova vive da sola, pare abbia avuto una relazione qualche anno fa con un uomo del posto e da diverso tempo tiene degli atteggiamenti abbastanza sconcertanti, canta, balla, tiene la radio alta, si spoglia improvvisamente, ma sempre totalmente innocui verso gli altri e se stessa. Questa notte, invece, le cose, sembrano siano andate diversamente. Sul posto intervenivano prontamente i volontari della Croce Rossa di Positano con il 118 allertato da Salerno. Nel bailamme generale la donna rinchiudeva il cortile con un lucchetto e si sedeva su un muretto alto tre metri brandendo un coltello lungo 38 centimetri puntandoselo al petto più volte. Gli uomini dell’Arma ed i volontari della Croce Rossa cercavano di dissuaderla dall’insano proposito quando ad un certo punto la donna di scatto lancia il coltello che va  verso un volontario della Croce Rossa che rimane miracolosamente illeso. Venivano prontamente allertati i vigili del Fuoco di Piano di Sorrento, dal momento che a causa della strada interrotta Positano e Praiano sono tagliate fuori dai servizi sia sanitari, come il presidio di Castiglione di Ravello, che di protezione civile, come i vigili del fuoco di Maiori, che veniva per tagliare il lucchetto, arrivava anche il personale del reparto di salute mentale dell’ospedale di Cava de’ Tirreni e la donna poi veniva convinta a non fare resistenza. Chiaramente in stato confusionale alla donna è stato disposto il TSO e ricoverata presso l’ospedale di Nocera Inferiore in provincia di Salerno. Da denotare una grande professionalità e impegno da parte degli uomini dell’Arma e una straordinaria dedizione e sacrificio da parte dei Volontari del soccorso della Croce Rossa che per puro volontariato sacrificano le proprie giornate e mettono a volte a repentaglio anche la propria incolumità. Al di là dell’episodio di cronaca in costiera amalfitana denotiamo come sempre una marginalizzazione del disagio psichico che viene fuori solo in vicende eclatanti come queste. Purtroppo esistono vari tipi di disagio psichico, più o meno gravi, sui quali bisogna intervenire non solo quando quanto questo rappresenti un presunto o potenziale rischio per gli altri, ma anche e sopratutto per aiutare queste persone più deboli che la società troppo spesso lascia sole con se stesse.