POSITANO CARABINIERI IN COSTUME, BLITZ ANTI DROGA

0

Potremmo chiamarla operazione droga sotto l´ombrellone. I carabinieri di Positano hanno usato uno stratagemma per individuare l´uso ed il possesso illegale di droga da parte dei bagnanti, mischiandosi fra la folla come dei bagnanti qualsiasi. Si sono stesi sulla spiaggia con tanto di telo da spiaggia e ombrellone e hanno segnalato in pochi giorni per dodici persone. Un trucco che con la confusione estiva di ferragosto, è riuscito benissimo, ma non è l’unico stratagemma del nucleo dei carabinieri di Positano che fanno parte della Compagnia di Amalfi, impegnata su tutti i fronti in questi giorni estivi di superlavoro. Qualche settimana fa hanno fatto travestire una carabiniere avvenente da postina, per far visita ad un sospetto. Di stratagemma in stratagemma. In questi giorni si appostano fuori la discoteca di Positano e Paiano, dove hanno fatto un intervento come pattuglia salvando probabilmente la vita a dei ragazzi, come qualsiasi altro vacanziero. Birra in mano sul lettino, come se niente fosse, in borghese. Da soli. Uno distante dall’altro così da non far capire che si è in coppia, ed i risultati si vedono. Ieri i militari di Positano si sono finti per un intero pomeriggio dei tranquilli bagnanti e girando per la spiaggia grande e la Via dei Mulini, sotto gli occhi di centinaia di persone, hanno preso due ragazzi di Varese, ignari del loro ruolo, ai quali è stata sequestrata una modica quantità di maryuana, e poi hanno così tenuto sotto controllo i presunti spacciatori che girano comunque in questi giorni di calca, non solo hanno avuto anche il tempo di fare dei controlli a venditori ambulanti che cercano di vendere merce contraffatta. Oltre ai due ragazzi di Varese in questa settimana gli uomini dell´Arma hanno segnalato all´Ufficio Territoriale del Governo cinque persone tutti residenti nella provincia di Napoli per detenzione di stupefacente, rinvenendo nel centro di Positano modiche quantità di hashish e marijuana, sempre sulla spiaggia Grande venivano segnalate per detenzione di stupefacenti del tipo Marijuana quattr giovani di cui due della vicina Sorrento, pensavano, sbagliando, che le spiagge della Costiera Amalfitana erano più sicure.


Michele Cinque


Una nota doverosa queste informazioni non ci sono state fornite in maniera ufficiale, ma le operazioni clamorose, dopo che sono avvenute, diventano notorie in un piccolo paese come Positano e non possono sfuggire a chi fa giornalismo da un quarto di secolo. Non avendo un comunicato ufficiale i numeri sugli interventi possono essere errati, nell’ordine dell’unità, probabile che vi siano stati altri interventi di cui non abbiamo saputo, ma i fatti, conclamati e pubblici, sono reali.


La Redazione

Lascia una risposta