AMALFI E SORRENTO, ADDIO COMUNITA´ MONTANE. E´ IL COUNT-DOWN

0

Entro il 30 settembre spariranno le comunità montane marine, come quelle della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina e l’ultima data utile per discuterne per il consiglio regionale della Campania è mercoledì 24, ma non è stato messo all’ordine del giorno. Dunque questa è l’utima chiamata per le comunità montane della Campania. Se entro il 30 settembre, data già prorogata,  il consiglio regionale non vara una propria legge di riordino degli enti montani andrà in vigore quello previsto dall’ultima finanziaria, dunque spariranno Amalfi, Sorrento, ma anche Positano, Vico Equense, Ravello, Cetara, Massalubrense, Sant’Agnello, Atrani, Praiano, Minori, Maiori e Vietri sul mare. Il consiglio regionale che si riunirà mercoledì 24 settembre non ha, per il momento, in programma alcuna discussione sulle comunità montane.
Tutti i presidenti degli enti montani sono riuniti oggi a Vietri sul Mare, per suggerire delle modifiche al disegno di legge che giace in commissione da diverso tempo e soprattutto per sollecitare che alla seduta di mercoledì prossimo venga aggiunto la discussione su questo punto.
La prossima seduta del consiglio regionale è, infatti, prevista per mercoledì 1 ottobre quando sarà scaduto il tempo massimo concesso alla regioni per proporre, caso per caso, proprie soluzioni.I presidenti sono anche al lavoro per presentare delle proposte alternative di quella della commissione, il cui disegno accorpa diversi enti non tenendo conto della conformazione del territorio. Fatto questo la palla passa al consiglio regionale che, per il momento, non ha certo brillato in questa materia. Ma basterà solo qualche defezione per rendere vano questo estremo tentativo. Alla fine, che si pensi bene o male delle comunità montane, la politica si è mangiata se stessa.. a meno che ci sia una proroga della proroga.. E dopo che succede? Il personale verrà assunta da qualche altro ente, nel Cilento forse dal Parco Nazionale del Cilento,  in costiera amalfitana e penisola sorrentina si sta pensando ad un trasferimento al Parco dei Monti Lattari che però attualmente è commissariato, ma in prorogazio rimane presidente Anna Savarese, e non ha fondi ne organico, se non una piccola sede a Corbara, dopo vari spostamenti, in ultimo Vico Equense.