VALLONE PORTO POSITANO ECCO COSA HA DETTO LA SOPRINTENDENZA

0

Positano ecco il verbale dell’incontro avuto con tecnici, WWF Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana, e la soprintendenza di Salerno Campania, il primo agosto sull’oasi Vallone Porto. La Soprintendenza, come detto in un comunicato del WWF, “richiede la non realizzazione delle gabbionate longitudinali e la rivisitazione delle opere di protezione della calcara. Dopo le operazioni di pulizia si richiedono i foto-inserimenti degli interventi da eseguire.” Non vi è alcun dubbio che il comunicato del WWF, che Positanonews ha pubblicato, rispondesse al vero. Si tratta di questioni tecniche e non politiche, le associazioni ambientaliste, fra le quali le principali tre associazioni nazionali (WWF, Italia Nostra e Legambiente oltre alle locali Posidonia e Gea) hanno esclusivamente a cuore la salvezza dell’integrità dell’oasi Vallone Porto. Positanonews, come tutte le testate giornalistiche del mondo, ha preso una posizione dall’inizio contro la realizzazione di questo progetto, esclusivamente questo, nulla contro i tecnici ne tantomeno i politici. Riteniamo che la battaglia  bisogna farla, quando si è convinti delle proprie ragioni, a prescindere dalla vittoria o dalla sconfitta, che poi sarebbe una sconfitta di tutti, perchè la vera sconfitta è non prendere posizione, non attivarsi per la salvezza del proprio territorio, la vera sconfitta è rimanere indifferenti.  E la nostra petizione che invitiamo a firmare, con altre online e quelle cartacee(al bar Internazionale e in biblioteca comunlae), ha contribuito a superare di gran lunga le mille firme contro questo progetto.


http://www.firmiamo.it/positanovalloneporto


VERBALE DI INCONTRO
del giorno 01.08.2008
LAVORI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO FORESTALE VALLONE PORTO – ARIENZO
ENTE ATTUATORE: COMUNE DI POSITANO
SISTEMAZIONE IDRAULICO FORESTALE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO DA
DISSESTO IDROGEOLOGICO DELLA RETE IDROGRAFICA DEL VALLONE PORTO IN
AGRO DEL COMUNE DI POSITANO
ENTE ATTUATORE: COMUNITA’ MONTANA PENISOLA AMALFITANA
Il giorno 01.08.2008 previa comunicazione sono convenuti sui luoghi dei lavori:
– l’ing. Michele PALERMO del Settore Politiche del Territorio della Regione Campania
– l’ing. Francesco GOLIA del Settore Urbanistica della Regione Campania;
– l’ing. Raffaele FATA per Comune di Positano;
– il geom. Pietro Ottavio FUSCO per la Comunità Montana Penisola Amalfitana;
– il Sig. Claudio D’ESPOSITO per il WWF Penisola Sorrentina;
– il Dott. Gioacchino DI MARTINO referente gruppo attivo WWF Penisola Amalfitana;
– l’arch. Rosalba DE FEO funzionario di zona della Soprintendenza BAP Salerno e
Avellino;
– l’ing. Amalia PISACANE, Direttore dei Lavori
L’ing. Raffele FATA consegna all’arch. Rosalba DE FEO i grafici integrativi richiesti in
Conferenza dei Servizi e sollecitati con la nota di convocazione del presente incontro.
Il Sig. D’ESPOSITO rileva che i grafici del progetto esecutivo sono del tutto identici a quelli del
progetto definitivo portati in Conferenza dei Servizi e ritiene che le opere così come da progetto,
con particolare rilievo alle briglie in c.a. realizzate ex novo, siano incompatibili e devastanti per
l’ecosistema del sito.
Dopo ampia discussione l’ing. Michele PALERMO conferma quanto già espresso in Conferenza
dei Servizi e che può variare la sua posizione solo nel caso in cui organi tecnici superiori in
ambito di difesa idrogeologica (Autorità di Bacino, ecc.) decidano la non necessità delle opere.
L’ing. Michele PALERMO ribadisce quanto espresso nella Conferenza dei Servizi sulla
necessità di predisporre un programma lavori per lo svuotamento e manutenzione periodica delle
briglie.
L’arch. Rosalba DE FEO, dopo aver ascoltato quanto discusso in merito alla necessità di
realizzare le opere in progetto, esprime quanto segue. La Soprintendenza concorda sul fatto che
le opere in oggetto intaccano la naturalità del sito di rilevante interesse ambientale e
paesaggistico. Tuttavia preso atto che quanto approvato in sede di Conferenza scaturisce da
un’ottemperanza al Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico dell’Autorità di Bacino Regionale
in Destra Sele, realizzato per la difesa idrogeologica dell’area Sorrentino – Amalfitana, e che,
pertanto, la non realizzazione degli interventi deve essere determinata da un atto della stessa
AdB dx Sele, ritiene in questa fase di concordare con gli Enti interessati modifiche progettuali
per una migliore mitigazione ambientale degli interventi nel contesto; in particolare si richiede la
non realizzazione delle gabbionate longitudinali e la rivisitazione delle opere di protezione della
calcara. Dopo le operazioni di pulizia si richiedono i foto-inserimenti degli interventi da
eseguire.
Il geom. Pietro Ottavio FUSCO ribadisce quanto già concordato con il WWF sezione di Sorrento
nella riunione del Settembre 2007.
L’ing. Francesco GOLIA e l’ing. Michele PALERMO auspicano la cooperazione di tutti gli Enti
interessati alla salvaguardia del Vallone affinché vengano apportati al progetto tutti gli
accorgimenti necessari a ridurre l’impatto sulla flora e fauna esistente.
L’ing. Raffaele FATA conferma quanto più volte ribadito alle associazioni ambientaliste sulla
possibilità in fase esecutiva, laddove se ne riscontri la opportunità, di apportare le adeguate
modifiche alle opere progettate ferma restante la garanzia sul grado di mitigazione del rischio
che resta il fine principale dell’intervento.
Il presente verbale verrà dattiloscritto a cura del Comune di Positano e trasmesso agli Enti
intervenuti alla riunione.
L.C.S.
F.to
Rosalba DE FEO
Raffaele FATA
Michele PALERMO
Claudio D’ESPOSITO
Francesco GOLIA
Gioacchino DI MARTINO
Pietro Ottavio FUSCO
Amalia PISACANE