POSITANO VALLONE PORTO L´OASI CHE NON C´E´

0

Sono un insegnante dell’Istituto Comprensivo di Positano, in Costiera Amalfitana, permettetemi un po’ di campanilismo ma sono nata qui a Positano e con la dirigente ed altre colleghe del suddetto istituto, siamo state fiere di ricevere la Bandiera Verde per l’ambiente (uguale Bandiera Blu per il Comune).
Penso che l’Oasi Vallone Porto deve rimanere così com’è, non possiamo “imbrigliarlo” così come non si può “imbrigliare” il mare, né il pensiero dell’uomo.
Goletta Verde non ha potuto che dire di sì che il nostro mare è tra i più belli d’Italia. La Divina Costiera, unica per le bellezze naturali, divina perché ci sarà qualcuno che ci guarda da lassù e sarà tale fin quando la mano dell’uomo non creerà scempi; la Natura, il Mare si rigenerano da soli. Nella visita all’Oasi Vallone Porto ho notato del pietrame giù vicino alla “Vecchia Calcara” già sbriciolato, già amalgamato nell’ambiente naturale, sembra una frase fatta “il fiume ha fatto il suo corso…”. Questo Canyon selvaggio che Valy la pittrice portava nel cuore e nei suoi quadri (qualche quadro è in dotazione del Comune di Positano). Lei che faceva che faceva da spola dall’Australia, suo paese nativo, Positano e altri paesi del mondo dove spesso teneva Vernissage.
Ecco perché tutti conoscono questa Oasi, forse solo noi a volte ci scordiamo che c’è.
Concludo dicendo che i nostri paesi sono unici, impegniamoci a salvare l’Oasi, questo patrimonio da lasciare alle generazioni future.


M.B.