´´Corbara e il Corbarino´´ all´insegna della gastronomia e del folklore

0

Stasera alle 20,30, il Comune di Corbara, alle porte della Costa d’Amalfi, rende omaggio al suo prodotto più illustre; il pomodorino detto “Corbarino”. In concomitanza con la celebrazione della tradizionale “Calata dell’Angelo” (evento religioso che richiama un elevatissimo numero di fedeli), la manifestazione “Corbara e il Corbarino” rappresenta, per la mai doma Pro Loco corbarese, il momento ideale per adempiere alla propria mission: la promozione delle antiche tradizioni storiche, gastronomiche e folkloristiche locali. Al termine del momento religioso, dunque, tutta l’attenzione si trasferirà al Borgo Sala, in pieno centro storico, dove si potrà godere, in una Corbara d’altri tempi, del prodotto protagonista della serata proposto in tutte le sue “salse”. Coltivato nei vigneti, sui fianchi delle dolci colline del paese, la sua particolare sapidità ed il suo gusto leggermente acre fanno del Corbarino un ottimo prodotto da consumare fresco, condito in gustose insalate o da lavorare per la realizzazione di sughi. Ottimo se cucinato col pesce perchè capace di assorbire l’aspro salmastro del mare conservandolo gelosamente. Il “Corbarino” è anche popolarmente chiamato “pomodorino a piennolo”, perché conservato, durante l’inverno, in grappoli appesi ad un filo di spago. Il momento gastronomico di domani si concluderà con le note dei più grandi successi della tradizione partenopea, interpretati dai maestri Barbara Guida e Paolo Cimmino. “Corbara e il Corbarino” è una delle manifestazioni di punta del palinsesto estivo in provincia di Salerno ed è promossa interamente dai giovani componenti dalla Pro Loco, che attraverso la promozione e la salvaguardia delle proprie tradizioni, guardano con ottimismo al futuro turistico della loro amata Corbara.


Emiliano Amato