AMALFI: NUOVO OBBROBRIO IN PIAZZA FLAVIO GIOIA

0

Il Consigliere Giovanni Torre, Capogruppo consiliare di “Amalfi nel Cuore” e Coordinatore provinciale dei Giovani per le Libertà in relazione all’avvenuta realizzazione di una pensilina in ferro alla radice del molo pennello di Amalfi, afferma:

“Siamo di fronte ad un nuovo scempio del nostro meraviglioso paesaggio. Dopo il “bunker della vergogna” realizzato sulla Darsena turistica e poi, a seguito dei nostri insistenti richiami, finalmente demolito qualche settimana fa, l’Amministrazione De Luca dimostra ancora una volta la grande insensibilità urbanistica e paesaggistica avendo realizzato nel centro storico di Amalfi una struttura che rappresenta un vero e proprio affronto alla nostra immagine turistica”.
“Una pensilina in ferro di produzione industriale che farebbe bella figura in una stazione ferroviaria di periferia, peraltro ubicata in modo da precludere la libera visuale del paesaggio”.
“Non mi meraviglierebbe se anche questo ennesimo monumento al cattivo gusto seguisse le stesse sorti del servizio igienico demolito sulla Darsena, con ulteriore dispendio di denaro pubblico”.
“Mi chiedo, peraltro, come sia possibile che la Soprintendenza di Salerno abbia autorizzato la realizzazione di un’opera di così grande impatto alla radice del Molo Pennello, nella centralissima Piazza Flavio Gioia di Amalfi. Soprintendenza che, poi, è tanto scrupolosa con il privato cittadino nel far rispettare le severissime norme paesaggistiche vigenti”.
“Basterebbe anche solo un po’ di buon senso per scongiurare il costante ripetersi di scelte inappropriate che arrecano rilevanti danni alla nostra Città. Buon senso che i nostri amministratori dimostrano palesemente di non avere”.
 

 


                                                                                                                                            Giovanni Torre