Costiera Amalfitana a rischio il servizio degli ausiliari del traffico in Costiera

0

In merito alla viabilità della Statale 163 amalfitana, tortuosa e difficoltosa, i cui problemi da qualche anno sono risultati essere abbastanza alleviati dalla presenza del servizio degli ausiliari del traffico, istituito nel 2004 e che controlla il traffico veicolare per 10 ore nell’arco della giornata e danno tranquillità a chi percorre le strade che vanno da Positano, Praiano, Amalfi verso Atrani, Ravello, Minori, Maiori e Cetara per Salerno, la strada della Costiera Amalfitana .


Pare che, causa mancanza di fondi, a partire del 1° luglio il controllo del traffico verrà molto limitato. Il servizio, prima previsto per dieci ore, verrebbe ridotto del 40%, con il rischio di lasciare scoperte fasce orarie di particolare traffico.


Sull’argomento ha espresso tutta la sua preoccupazione il Consigliere Regionale del PDL Salvatore Gagliano, Presidente della Commissione Statuto, che ha dichiarato: “ Giungono preoccupanti voci che, a partire del 1° luglio, il servizio degli ausiliari del traffico verrà molto limitato, con il rischio che potrebbe mancare in fasce orarie critiche per la circolazione sulla SS. 163.


Parrebbe, infatti, che i fondi messi a disposizione dall’Amministrazione Provinciale non siano sufficienti a coprire l’intero servizio e quindi anche durante determinate ore in cui il traffico è molto intenso.


Nel caso così fosse, si vanificherebbe un risultato conseguito nei banchi del Consiglio Provinciale nel lontano 2004.


E’ il caso che, in maniera chiara, si conosca la verità, cosa molto difficile quando si ha a che fare con amministratori che, anziché affrontare il problema per risolverlo, preferiscono temporeggiare e farlo esplodere quando è troppo tardi.


Per cui, qualora l’Amministrazione Provinciale non fosse nella condizione di sostenere tale servizio, come ha ben fatto negli anni scorsi, va sicuramente coinvolto l’Assessorato Regionale al Turismo, nella persona dell’Assessore Velardi, affinché il servizio vada potenziato e non ridotto, recuperando fondi utili, che, invece, vengono stanziati per iniziative molto discutibili e che non portano alcun beneficio alla Divina Costa.


Naturalmente sarò portatore di tale battaglia, fatta solo ed esclusivamente nell’interesse dei cittadini e dei tanti operatori turistici della Costa d’Amalfi.


 


 


 Napoli, 25.6.2008