Nasce Gemme d´ Italia

0

Positano, Porto Cervo, Portofino, Taormina, Santa Maria di Leuca insieme per avviare rapporti di cooperazione e rinnovare il fascino del Gran Tour in Italia Con la sottoscrizione nella sede di rappresentanza della Regione Puglia a Roma del protocollo di intenti, si è definitivamente dato il via all’iniziativa Gemme d’Italia, promossa da Salento Faro dei due Mari, presieduta da Orazio Frigino, al fine di promuovere la destinazione Italia Mare, con il patrocinio delle Regioni e dei Comuni partners; Salento Faro dei Due Mari, ieri a Positano in Costiera Amalfitana per un sopralluogo, ha attivato i contatti con le località di Porto Cervo, Portofino, Positano, Taormina, Santa Maria di Leuca per avviare rapporti di cooperazione e rinnovare il fascino del Gran Tour in Italia. Con queste cittadine, già riconosciute mete turistiche di pregio, si intende dar vita ad un Club di prodotto denominato Gemme d’Italia con il coinvolgimento di partners privati e pubblici per effettuare azioni promozionali di co-marketing ed avviare un confronto sulle problematiche legate alla gestione di Comuni con alta vocazione turistica, definendo le linee di collaborazione progettuali con incontri periodici itineranti. Sul piano dell’immagine la promozione congiunta rappresenta sicuramente un valore aggiunto del Bel Paese; ed infatti a tal proposito è sicuramente lungimirante la riflessione di Piergiorgio Togni, direttore generale dell’Ente Nazionale Italiano del Turismo, che così scrive sull’horgan-house dell’ENIT: “L’intersezione fra i diversi turismi, le tipologie di ricettività e le attività collegate di fatto si traduce in una struttura articolata e complessa che è difficile da gestire perché determina un grandissimo numero di prodotti specifici, ognuno dei quali diretto ad un particolare target. L’evoluzione degli ultimi anni si caratterizza proprio per la continua scoperta di nuove nicchie di mercato che ridefiniscono funzioni e ruoli. Basti pensare a come il turismo balneare si è articolato in tanti sottoinsiemi ed abbia come dato luogo, per gemmazione, ad una molteplicità di opzioni che debbono essere promozionate e commercializzate in modo autonomo.” Salento Faro dei Due Mari, anche in considerazione dei brillanti successi di pubblico e di critica legati agli eventi realizzati a Santa Maria di Leuca, rinnova l’impegno e si apre alla collaborazione ponendosi come organo di raccordo tra le componenti pubbliche e private che ambiscono a valorizzare il territorio in cui operano con un’offerta esclusiva che si fonda sull’unicità dei luoghi, la valorizzazione qualitativa dei servizi, la tutela e l’esaltazione della tipicità intesa in senso culturale, paesaggistico e di tradizione. All’iniziativa Gemme d’Italia il presidente della Repubblica ha assegnato un riconoscimento di rappresentanza mentre l’ENIT-Agenzia Nazionale del Turismo ed il Ministero delle Attività Produttive hanno patrocinato il progetto. Negli incontri istituzionali periodici itineranti previsti per la programmazione di attività in comune aperti agli operatori turistici delle Gemme d’Italia, il primo dei quali in programma a Positano, saranno discusse le prime ipotesi di lavoro da realizzare tra cui: la stampa di una brochure dedicata al Grand Tour delle Gemme d’Italia, un Challenge in idrovolante delle Gemme d’Italia, l’edizione di Ambassador il Magazine delle Gemme d’Italia, la presenza con stand espositivi in fiere turistiche e nautiche, l’apertura di Infopoint nelle cinque località, l’avvio di progetti di promozione e comunicazione turistica nei Circoli Golf e nelle Scuole di Sci, l’editing di una Web Tv, l’introduzione di un circuito di pagamento con carte di fidelizzazione, l’istituzione di progetti di cooperazione con gli Istituti Professionali alberghieri delle Gemme d’Italia, la redazione di progetti di interscambio con gli artigiani, le aziende enogastronomiche, i gruppi musicali, gli artisti delle Gemme d’Italia, l’attivazione di un portale Internet.