COSTIERA AMALFITANA, PIENONE PER IL PONTE DELLA REPUBBLICA

0

Dopo l’ottimo lavoro relativo ai ponti di fine aprile-inizio maggio, ci si attendeva una conferma da questo lungo ponte della festa della Repubblica, che puntualmente è arrivata; anzi ha superato di certo le più rosee delle previsioni. Aiutata anche dalla spendida situazione climatica la costa amalfitana è stata presa d’assalto dai vacanzieri che hanno occupato anche la più nascosta struttura ricettiva. Ossigeno anche per gli agriturismo che, ultimamente , avevano segnato il passo. Di certo è che molta gente non ha potuto soggiorn are in costa di Amalfi causa la assoluta indisponibilità di camere libere, dovuta anche alla presenza di numerosi ospiti dei tanti matrimoni celebrati nelle chiese della costa in questi giorni. E si sa che, essendo Amalfi e dintorni mete ambite, per le cerimonie nuziali arriva gente da ogni parte.Tradomenica e lunedì si contavano circa quindici cerimonie n uziali, delle quali solo un terzo locali. Gran lavoro per il pullman “sightseeing scoperto” in servizio sulle tratte Amalfi- Maiori e viceversa e Amalfi-Ravello e viceversa: la passeggiata è stata piacevole e è durata anche abbastanza, causa i con tinui ingorghi che consentivano ai viaggiatori una più particolare visione del tratto di costa. Disagio per i turisti soggiornanti a Maiori e Minori che, causa l’inagibilità delle loro strutture portuali, non hanno poturo usufruire del servizio di battelli di collegamento intercostiero ed hanno dovuto affrontare la statale amalfitana sempre ingolfata dalle presenza dei mastodontici bus turistici. Comun que, grande soddisfazione per ristoratori e stabilimenti balneari, perfino per quelli di Minori che, nonostante il disagio causato dalla condotta sottomarina e dai lavori della costruenda stazione marittima al lungomare, hanno registrato un soddisfacente afflusso di bagnanti.Nota dolente, un pò ovunque, è stata, come sempre, la carenza di aree di parcheggio, per cui i privati, data la grande richiesta, hanno aumentato i prezzi a discapito dei visitatori. Molti hanno impeganto la notte con quattro salti alla magica Africana di Praiano, ancora e sempre pregna di fascino ( a memoria del proprietario deceduto il consigliere regionale Salvatore Gagliano ha chiesto al sindaco di Praiano, Gennaro Amendola, di intitolare una strada a Luca Milano). In tutta questo affollamento i prezzi delle strruttre ricettive che avevano subito un ritocco in ribasso, causa la mancanza di prenotazioni, il mese scorso, sono ritornati al livello normale, anche se, persino quando erano ribassati, erano pur sempre esosi inrapporto ai servizi pubblici e non offerti ai turisti. Perchè è opinione comune che i prezzi praticati da diverse strutture sono una con causa della avvertita recessione, in alcun i periodi, del flusso turistico verso la costa amalfitana. Un normale turista, con la cifra che spende in due giorni in una struttura “decente” della costa, trascorre una settimana intera altrove, viaggio compreso. Anche se molto spesso questo tipo di ragionamente viene a cadere da sè, dato l’afflusso, è pur un punto da tener presente in fase di programmazione futura. gaspare apicella