Terlizzi (BA). Della Ceramica d´Apulia.

0

Primo appuntamento progetto “Della Ceramica d’Apulia”


 


E’ al varo il progetto, promosso da ADMERIDIEM (Circolo Culturale Ra-Comunicazionetotale, Horus-Multimedia studio grafico, Associazione Culturale Ricerca&Qualità), “Della Ceramica d’Apulia”.


Tale progetto vedrà impegnate le realtà associative e progettuali  mezionate al fine di promuovere, censire e dare nuovo impulso alla produzione ceramica del territorio pugliese, che  vanta prodotti di grande valenza storico-culturale. Nell’ambito del progetto é previsto il coinvolgimento di istituzioni, enti e artisti. Attraverso ricerche, incontri-studio, corsi tenuti da esperti ceramisti e mostre di artisti che prediligono la plasticità della ceramica, si offrirà la possibilità di entrare nel mondo della “materia” che é così vicino alla tradizione del nostro territorio, ma ancora tutto da scoprire e rivalutare, nella prospettiva di consegnare al futuro quello che é tanto radicato nel nostro passato.


La prima fase del progetto vede coinvolte le città di Terlizzi (produzione) data la presenza di svariate fornaci, Ruvo (storia) con la collezione vascolare del museo Jatta e Corato (istruzione) con la presenza dell’Istituto Statale d’Arte settore di specializzazione ceramica, in una sorta di connubio inprescindibile per le competenze evidenziate dalla vocazione propria di ognuno di esse.


 


Inaugura questo percorso di lavoro e documentazione la mostra d’arte contemporanea


“la Storia danza in catene”


personale dell’artista


Claudio Vino


 


“Non appena scende la notte, cambia la nostra percezione


delle cose più vicine.”


(F. Nietzsche)


 


Appuntamento targato ADMERIDIEM.


 


La “vernice” è stata sabato 31 maggio allo spazio espositivo di Ra-Comunicazionetotale, via Pasquale Fiore 35 Terlizzi (tel. 338.7674491). La mostra resterà aperta fino al 30 giugno. Visite per appuntamento. Altre opere saranno esposte presso “Il vicolo ristorazione”, vico V Garibaldi n. 8 Terlizzi (tel. 080.3518825).


 


Scheda dell’autore


Claudio Vino è docente di Discipline Pittoriche presso il Liceo Artistico “Carlo Levi” di Matera. Si può definire artista sperimentale poiché si cimenta con l’argille direttamente “zappate” dai calanchi della provincia di Matera, materiale che si distingue per la peculiare caratteristica della variegata colorazione che assume durante la fase di cottura. Artista citazionista poiché forte di una laurea in lettere, la sua opera é connotata da brani di accompagnamento che inducono alla riflessione.


 


Info:


Laura Giovine


Ufficio Stampa AdMERIDIEM


ufficiostampa@admeridiem.it

Lascia una risposta