SPIAGGIA DI FORNILLO: AMMINISTRARE VUOL DIRE ANCHE PIANIFICARE

0

L’intervento dell’Amministrazione Comunale sul “fenomeno erosione” della Spiaggia di Fornillo, rende ancora più evidente la mancanza di programmazione e di pianificazione anche nella gestione ordinaria del paese.


Il “fenomeno erosione” della Spiaggia di Fornillo è noto ormai da decenni ,alcuni ne imputano la causa alla costruzione della parte ovest del molo, costruzione che impedisce il naturale ritorno della sabbia da est verso ovest quando c’è mare di scirocco, certo è che l’erosione continua di questa spiaggia è una realtà, che va affrontata con interventi mirati e programmati.


Vanno sicuramente studiate misure che vadano a risolvere definitivamente il problema come lo studio delle correnti marine e la realizzazione delle le barriere soffulte ma sono provvedimenti che prevedono tempi di realizzazione lunghissimi, ma nel quotidiano, nell’ordinario, l’unica soluzione è intervenire con il ripascimento, cioè prelevare la sabbia accumulatasi sulle altre spiagge e riportarla sulla spiaggia di Fornillo.


Insomma bisogna fare artificialmente quello che la natura non riesce a fare più.


Questo intervento dovrebbe essere programmato (prevedendone le somme in bilancio) per essere fatto ogni anno (e realizzato quando effettivamente serve), prima dell’inizio della stagione turistica, ottenendo con il dovuto anticipo i relativi pareri e le relative autorizzazioni.


E non si deve aver paura di una mareggiata che potrebbe vanificare l’intervento (quella può avvenire anche a luglio o ad agosto), intervenendo prima si ha la tranquillità necessaria per operare senza danneggiare i bagnanti e le attività turistiche, sia a Fornillo che sulle altre spiagge da dove viene “prelevata” la sabbia.


Vogliamo ricordare che che in data 1°Maggio, sono stati prelevati centinaia di metri cubi di sabbia (provenienti dalla Spiaggia di Fornillo) dal tratto adiacente al molo, lavoro di dragaggio necessario per l’attracco dei mezzi del Metrò del mare.


Se avessimo avuto per tempo le dovute autorizzazioni avremmo potuto usare GRATIS quella sabbia per il ripascimento della Spiaggia di Fornillo.


E questa procedura di dragaggio si rende necessaria ogni anno, perché ogni anno puntualmente l’area davanti alla banchina si insabbia, allora perché non poter usare quella sabbia, risolvendo il problema a costo zero per la collettività?


Ma alla nostra Amministrazione invece di pianificare e programmare questo tipo di interventi, più che necessari (servirebbe un ripascimento anche alla Spiaggia di Laurito), si concentra ad attaccare o accusare chiunque espone o mette in evidenza queste rilevanti questioni.


Tutte le associazioni, i consiglieri comunali e ogni libero cittadino hanno la libertà e il DIRITTO di denunciare o evidenziare questo tipo di problemi e l’Amministrazione ha il DOVERE di ascoltare ed attivarsi.


Va ancora una volta evidenziato che il sindaco e la sua amministrazione, con la solita proverbiale arroganza, bacchetta anche la libertà di pensiero.



Comunque, nell’ottica di dare sempre una corretta informazione è bene sottolineare che le comunicazioni fatte dall’Amministrazione Comunale (prot. 6103 del 07.05 e prot. 6524 del 15.05) non sono “richieste di autorizzazione” ma solo semplici comunicazioni dove già si indicava e si ribadiva che le suddette operazioni di spostamento della sabbia si sarebbero dovute svolgere dal 20.05 al 31.05.


E l’unica risposta arrivata dai relativi enti è stata la nota prot.7042 del 26.05 (a bilancio abbondantemente approvato) della Capitaneria di Porto di Salerno.


Quindi non bisogna dare le colpe agli altri perché le responsabilità sul ritardo sulle operazioni di ripascimento sono solo ed esclusivamente dell’Amministrazione Comunale.


E facile fare demagogia per coprire la propria insufficienza.


Bisogna dire basta a questo modo arrogante e prepotente, nonchè falso ed ingannevole di fare politica.


Per questi motivi siamo usciti dalla maggioranza e per questi motivi il nostro voto sul bilancio è stato contrario.


E a proposito di programmazione, vogliamo ricordare ai nostri solerti e attenti amministratori che siamo a Giugno e la pulizia del mare non è ancora cominciata, ma come al solito la colpa sarà di qualcun altro.


Lasciamo a voi i commenti.



Positano 30.05.2008 il Gruppo Consiliare Indipendente


POSITANO GIOVANE LIBERA


(www.positanogiovanelibera.it)

Lascia una risposta