I farmacisti salernitani decidono la serrata

0

Al presidente Berlusconi un documento sulla gestione della sanità in Campania


 


Tra dieci giorni le farmacie salernitane potrebbero restare chiuse. La “serrata” è stata decisa ieri sera al termine di un’assemblea straordinaria convocata da Federfarma Salerno. Riguarderà le farmacie che operano nei territori di competenza delle Asl Salerno 1 e Asl Salerno 2. Le due aziende sono di nuovo sotto accusa per il mancato pagamento delle prestazioni erogate dai titolari di farmacia con la cessione agli utenti dei medicinali. Il ritardo medio delle due aziende è di 9 mensilità.


I dieci giorni di preavviso, così come previsto dalle norme, dovranno servire ad aprire un tavolo di confronto tra le parti.


Ma Federfarma Salerno va oltre. Considerato che sono senza risultato le trattative e i colloqui con la Regione Campania, il sindacato di categoria ha annunciato un’iniziativa per sensibilizzare il Governo in occasione della riunione del Consiglio dei ministri in programma a Napoli. Sarà consegnato un documento al presidente Silvio Berlusconi per denunciare la catastrofica situazione della sanità in Campania, un’altra emergenza che presto potrebbe diventare ingovernabile come quella dei rifiuti.  

Lascia una risposta