ARRESTATO RUSSO, EX PRESIDENTE DEL PARCO MARINO DI PUNTA CAMPANELLA

0

Il presidente dell’Autorit� portuale di Taranto, Michele Conte, � stato arrestato nell’ambito di un’indagine su una discarica abusiva di fanghi derivanti dal dragaggio dei fondali del porto. Ai domiciliari anche il vicepresidente e un dirigente della Taranto container trasporti


Il presidente dell’Autorit� portuale di Taranto, Michele Conte, � stato arrestato oggi dai militari della Guardia di finanza, nell’ambito di un’indagine sulla realizzazione, avvenuta tra il 2005 e il 2006, di una discarica abusiva di fanghi derivanti dal dragaggio dei fondali del porto. Insieme con Conte sono stati arrestati anche il vicepresidente della Tct, Taranto container trasporti, Giancarlo Russo, di Sorrento, e un dirigente della stessa azienda, Antonio Poli. Ai tre sono stati concessi gli arresti domiciliari.

I tre sono stati arrestati � sulla base di ordinanze di custodia emesse dal gip del Tribunale di Taranto � per i reati di attivit� di gestione di rifiuti non autorizzata, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, abuso d’ufficio, falsit� ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici. A quanto si � appreso, altre tre persone sono indagate, tra queste anche l’ex presidente dell’Autorit� portuale di Taranto, Sandro Petriccioni.

Il presidentedell’autorit� portuale, Michele Conte, � anche consulente della societ� Sisamtrans International del gruppo Maneschi, per il quale vengono ipotizzati i reati di abuso d’ufficio, corruzione (in quanto la consulenza sarebbe stata la ricompensa per il via libera ai dragaggi) e falso. Ai domiciliari anche il rappresentante legale della Sisamtrans International Massimiliano Paoli (corruzione) e il vicedirettore della Tct Giancarlo Russo (corruzione, falso ideologico e discarica abusiva) di Sorreno ed ex Presidente del Parco Marino di Punta Campanella (l’area comprende i comuni di Positano, in Costiera Amalfitana, Sorrento, Massalubrense, Vico Equense in Penisola Sorrentina)

Le altre tre persone che risultano indagate sono: l’ex presidente dell’autorit� portuale Sandro Petriccione (abuso d’ufficio e falso ideologico); l’ex comandante della capitaneria di porto Tiberio Piattelli (abuso d’ufficio e falso ideologico), e l’ing.Marinella Conte, figlia del presidente dell’Autorit� portuale (discarica abusiva).

da “La nuova ecologia” del 14/05/2008