Salerno, Sequestrato Casolare Extralusso dalla Guardia di Finanza – Denunciati tre resposnabili

0

SEQUESTRATO CASOLARE EXTRALUSSO DALLA GUARDIA DI FINANZA

DENUNCIATI TRE RESPONSABILI



COMUNICATO STAMPA Salerno, lì 10 maggio 2008





I MILITARI DELLA SEZIONE OPERATIVA NAVALE DELLA GUARDIA DI FINANZA DI SALERNO, DIRETTAMENTE COORDINATI DAL SOSTITUTO PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI SALERNO, DOTT. ROBERTO PENNA, HANNO INFERTO UN ALTRO DURO COLPO ALL’ABUSIVISMO EDILIZIO SULLA PARTE COLLINARE DI SALERNO NELL’AMBITO DELLA INTENSIFICAZIONE DEI CONTROLLI SUI FABBRICATI RURALI TRASFORMATI IN ESCLUSIVE RESIDENZE.



I MILITARI DELLE FIAMME GIALLE, SU DELEGA DEL PREDETTO PUBBLICO MINISTERO, HANNO SEQUESTRATO UN FABBRICATO RURALE SU DUE LIVELLI PER COMPLESSIVI MQ. 800 CIRCA TRASFORMATO, MEDIANTE UN CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO, IN UN LUSSUOSA VILLA PANORAMICA.



SEQUESTRATO ANCHE UN CORPO DI FABBRICA PER COMPLESSIVI MQ. 900 CIRCA, REALIZZATO ATTRAVERSO LO SBANCAMENTO DI 4.000 METRI CUBI DI TERRENO, CHE CON OGNI PROBABILITA’ ERA DESTINATO AD OSPITARE NUOVI VANI RESIDENZIALI ATTESE DIECI APERTURE PREDISPOSTE MA ANCORA TOMPAGNATE E GLI ALLACCIAMENTI FOGNARI IN FASE DI REALIZZAZIONE.



IL PREDETTO MANUFATTO E’ STATO SCOPERTO NONOSTANTE ABILMENTE OCCULTATO DAL PROPRIETARIO, UN NOTO IMPRENDITORE SALERNITANO, CON CANCELLI MIMETIZZATI CON GLI STESSI MATTONI UTILIZZATI PER IL RIVESTIMENTO DEI MURI PERIMETRALI E BENCHE’ IL SOLAIO FOSSE COPERTO DA TERRENO, VEGETAZIONE ED UN PERGOLATO LIGNEO.



I MILITARI OPERANTI HANNO SEQUESTRATO ANCHE L’INTERA TENUTA CHE SI ESTENDE SU CIRCA MQ. 36.000 IN QUANTO INTERESSATA DA ALTRI ABUSI EDILIZI TRA CUI MURI DI CONTENIMENTO IN C.A. E PERSINO LA PREDISPOSIZIONE DI UNA PISCINA.



IL SUCCITATO MAGISTRATO HA DISPOSTO ALTRESI’ L’EVACUAZIONE DAL CASALE DI QUANTI RISIEDEVANO NELL’AMBITO DELLO STESSO.



L’ABUSO IN NARRATIVA E’ STATO INDIVIDUATO GRAZIE AD UNA RICOGNIZIONE AEREA AVVENUTA NEI GIORNI SCORSI CON L’ELICOTTERO DELLA SEZIONE AEREA DI NAPOLI



DENUNCIATE ALLA COMPETENTE AUTORITA’ GIUDIZIARIA TRE PERSONE TRA CUI IL PROPRIETARIO DEL TERRENO, IL COMMITTENTE DEI LAVORI E IL DIRETTORE DEI LAVORI CHE DOVRANNO RISPONDERE IN CONCORSO TRA LORO ALL’A.G. DI DANNEGGIAMENTO, DETURPAMENTO AMBIENTALE, OLTRE ALLE CONNESSE VIOLAZIONI IN MATERIA URBANISTICA, PAESAGGISTICA.