Erosione Spiaggia di Fornillo: Interveniamo subito.

0

Erosione Spiaggia di Fornillo: Interveniamo subito.


 


Con l’arrivo della stagione estiva e quindi dell’aumento dei turisti nello splendido scenario della Costiera Amalfitana a Positano, aumenta la richiesta di fruibilità delle sua spiagge.


I Positanesi, però, devono far fronte all’impossibilità di rispondere adeguatamente all’aumentata richiesta poiché le “pocket beach” o spiagge a tasca, stanno letteralmente scomparendo consumate da un fenomeno geologico( Erosione irreversibile)ampliamente studiato e monitorato dagli scriventi in un arco temporale di circa 2 anni.


Il fenomeno Erosivo, che letteralmente sta distruggendo queste pocket beach è particolarmente accelerato ed accentuato nel tratto di costa  della Spiaggia di Fornillo.


Questo tratto di costa,  ampliamente studiato e monitorato,  è arretrato notevolmente maggiormente nel suo tratto Ovest. Bisogna precisare e sottolineare che l’accentuato arretramento non è un fenomeno che avviene in un arco temporale lungo(circa 10 anni) ma dalle analisi geologiche effettuate si è notato che l’erosione in questo tratto è particolarmente accelerata e rapida. Si è notato un ulteriore aumento della perdita di arenile fruibile nell’arco temporale di Ottobre 2007-Maggio 2008, rispetto al trend di arretramento che stava già avvenendo.


Allo stato attuale la linea di costa è arretrata di circa 10 metri. Questo si nota in  particolar modo nel tratto Ovest che risulta totalmente non fruibile in quanto ormai totalmente sommerso.


Da quanto detto,  è facile capire quanto sia importante un intervento tempestivo per recuperare questa risorsa geo-ambientale e Patrimonio Unesco dal 1996, che giorno dopo giorno rischia di essere  fagocitata dal mare.


In base a questo studio si è certi che contenere  questo fenomeno non è impossibile, di fatto  abbiamo  formulato varie ipotesi di ripristino che permetteranno di riportare allo stato originale questi tratti colpiti e restituendoli agli antichi splendori, ai positanesi e ai tantissimi turisti che tanto amano e hanno frequentano questi luoghi.


 


Geologi


Dott.ssa Concetta Buonocore


Dott. Diego De Simone


 


 



 


 


 

Lascia una risposta