RAVELLO SEQUESTRATA UNA VILLA A MINORI UNA SALA RISTORANTE

0

La Guardia di Finanza sequestra villa panoramica. Denunciati 15 responsabili. Altri interventi in tutta la Costiera Amalfitana l’altroieri e ieri nell’ambito dell’intensificazione dei servizi in materia di tutela ambientale disposti dal Comando Provinciale di Salerno, i militari della sezione operativa navale della guardia di finanza di salerno hanno sottoposto a sequestro nel comune di Ravello una villa panoramica in costruzione di 120mq. dotata di ampio terrazzo.

Oltre all’edificio, ancora allo stato grezzo, e’ stata sequestrata un’area di cantiere circostante circa 1.000mq., interessata da sbancamenti di terreno vegetale e di roccia.


Nel cantiere, abilmente occultato con teloni verdi che sarebbero dovuti servire a coprire le piante di limoni, sono stati sorpresi il proprietario, tre operai e due trasportatori con cinque muli al seguito carichi di materiale edile.


I lavori procedevano indisturbati vista la natura impervia dei luoghi e considerato che il cancello di accesso era stato chiuso con lucchetto.
Nel comune di Scala sono state sequestrate ulteriori opere abusive di pertinenza di una masseria.


Piu’ precisamente e’ stato sequestrato il viottolo di accesso al complesso immobiliare lungo circa 100 metri, un manufatto e centinaia di metri di muri di contenimento ubicati su di un’area che si estende per oltre mq. 1000.


Deferite alla competente autorita’ giudiziaria 13 persone, tra proprietari ed addetti ai lavori che dovranno rispondere all’A.G. di danneggiamento e deturpamento ambientale, atteso che la costiera amalfitana e’ stata peraltro riconosciuta dall’Unesco patrimonio dell’umanita’, oltre alle connesse violazioni in materia urbanistica e paesaggistica.


Nel comune di Minori e’ stata constatata la violazione di sigilli alla sala ristorante di un complesso turistico ricettivo.
Deferite alla competente autorita’ giudiziaria la proprietaria ed il custode giudiziale.
Prosegue dunque l’impegno del corpo nella lotta all’abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana come dimostrano i risultati conseguiti nel corso dell’anno, dove sono gia’ 67 le persone denunciate per abusivismo, con 16 cantieri sottoposti a sequestro aree di cantiere per un totale pari ad oltre mq. 17.000.