PASQUA E PASQUETTA ROVINATA DAL MALTEMPO

0

Termometri in discesa, e ancora vento e pioggia dopo le mareggiate che in Liguria hanno provocato la morte del titolare di una discoteca di Sestri Levante. La neve è ovunque a partire dai 400 metri. Danni e allagamenti nella capitale; “marcato” rischio valanghe sulle montagne del Veneto; in allerta la Protezione civile. Il maltempo è forse all’origine di due incidenti mortali costati la vita a tre automobilisti nel Vicentino e a due ragazzi bulgari nel Salento. Per domani le previsioni sono ancor peggiori: la pioggia rovinerà anche le gite di Pasquetta. Piste da sci affollate. Fortunato solo chi ha scelto di tracorrere le vacanze in montagna. Le località turistiche e le piste da sci sono affollate, anche se la neve crea problemi per la circolazione sui passi dolomitici dove sono necessarie le catene o i pneumatici da neve. A Campo Imperatore (L’Aquila), a 2.200 metri sul Gran Sasso, dove la temperatura è scesa la scorsa notte a sei gradi sotto lo zero, una bufera ha impedito per ore l’apertura degli impianti.

Allerta per il fiume Aniene. Emergenza maltempo nel nord della Ciociaria. Non rientra lo stato d’allerta per il fiume Aniene che ieri ha tracimato a Filettino e alla periferia di Trevi nel Lazio inondando i campi lungo l’argine.

Danni e allagamenti a Roma. A Roma il forte vento e la pioggia hanno allagato scantinati, provocato decine di tamponamenti e abbattuto alberi. Alle 15, erano stati 110 gli interventi dei pompieri, ben oltre il doppio di quelli che si registrano in un’intera giornata nella città. Molte le chiamate per rami caduti a causa del forte vento nella zona dei Castelli. Gli esperti annuciano nella notte neve e ghiaccio sui rilievi del Lazio a partire dai 600 metri. Mobilitata la Protezione civile.
Rischio valanghe in Veneto. “Marcato” rischio valanghe sulle montagne del Veneto. Il centro di Belluno annuncia piccole slavine, una situazione che può rendere pericolosa la pratica dello scialpinismo. Il manto nevoso sulla montagna veneta oscilla tra i 60 centimetri e il metro nelle quote più elevate.

A15 imbiancata. Neve anche all’Abetone, nel pistoiese. Lunghi tratti della A15 sul valico dela Cisa sono imbiancati. Pioggia fitta su Firenze.

Mare mosso a Napoli. Un po’ meglio al Sud ma solo nella mattinata. Mari ancora molto agitati e temperature in ulteriore diminuzione. Il mare mosso ha bloccato i collegamenti diretti alle isole di Ischia e Procida.

Le previsioni. Per domani si prevede tempo molto nuvoloso nella prima parte della giornata al Nord, in graduale miglioramento nel pomeriggio. Temporali al Centro e sulla Sardegna, cielo molto nuvoloso e precipitazioni diffuse al Sud.