Positano, precisazioni in merito ai lavori in corso alla Spiaggia Grande.

0

Egregio Direttore,


in merito all’intervista resa dal Consigliere Giuseppe Fusco ed apparsa sul Vs. quotidiano il 18.03.2008, sotto il titolo “POSITANO GIOVANE E LIBERA, SUI LAVORI IN SPIAGGIA NON SIAMO STATI ASCOLTATI”, intendiamo fornire alcune precisazioni, che riteniamo utili a far comprendere ai nostri concittadini ed a tutti i lettori la verità sulla vicenda, e che Vi preghiamo, perciò di voler pubblicare..


E’davvero strano che il Consigliere lamenti che il suo Gruppo non sia stato “consultato” sui lavori in questione, quando dagli atti del Comune risulta che la delibera di approvazione del progetto definitivo ed esecutivo dei lavori stessi, inerenti al P.I.T. Penisola Amalfitana e Sorrentina ed aventi ad oggetto la “Riqualificazione degli arenili e loro integrazione socio-culturale con aree pubbliche e pertinenziali” venne approvata, nella seduta dell’11 aprile 2006, con il suo voto favorevole, in qualità di Assessore all’epoca in carica, e perciò di componente della Giunta, unitamente a quello del Consigliere Guarracino Raffaele, altro componente del Gruppo consiliare indipendente, anch’egli all’epoca Assessore in carica e perciò membro della Giunta. Anzi, il voto favorevole dei due (ex) Assessori, fu in quella seduta e per quella deliberazione assolutamente determinante, stante la contemporanea assenza di tre dei sette componenti che formavano la Giunta!


Evidentemente il Consigliere ed i suoi seguaci soffrono di un vuoto di memoria, avendo clamorosamente dimenticato di avere essi stessi esaminato, a più riprese, per svariate settimane, in molteplici incontri con il progettista, in quel fondamentale passaggio amministrativo, l’entità e le modalità dell’intervento alla Spiaggia Grande e di aver dato, in quella sede, il loro inequivocabile assenso, con l’espressione del voto favorevole, all’esecuzione dei lavori, così come risultavano dal progetto presentato alla Giunta!


I suddetti Consiglieri sono poi esperti Amministratori ed il Guarracino, in particolare, è un tecnico professionista, il che deve far ritenere che Essi avessero ben compreso, sulla base del progetto esaminato, in cosa consistessero i lavori e quali fossero le loro specifiche modalità attuative.


Certo, a volte la concreta realizzazione di un’opera può risultare in parte diversa da quella che si poteva immaginare sulla base della sua rappresentazione progettuale, e spesso la sensazione che si ha a cose fatte è che qualcosa si sarebbe potuta fare diversamente e forse con migliore resa estetica o funzionale. Tuttavia spesso si tende a dimenticare l’infinita spirale di pareri, nulla osta, assensi preventivi che, in un territorio come il nostro, caratterizzato da tanti vincoli legali, l’Amministrazione Comunale deve conseguire per poter riuscire a realizzare un’opera pubblica!


Lamentarsi, ora che si è scelto di star fuori del gruppo di maggioranza, di un muro “sconcertante” e di lavori alle baracche “contestati verbalmente”, quando si è stati partecipi delle scelte adottate, ha il chiaro sapore di una mera polemica strumentale, alla cui tentazione i Consiglieri del Gruppo Positano Giovane e Libera non hanno saputo, ancora una volta, resistere!


Nel dettaglio, va poi precisato che i lavori alla Spiaggia Grande non sono ancora ultimati, e ciò spiega la presenza di “ferraglie e materiali di risulta”; che è previsto ed esiste già l’allacciamento elettrico ed idrico per le baracche; e che anche l’allacciamento elettrico per l’alimentazione degli argani per il tiro delle barche è previsto.


Infine, quanto alla vicenda del pino caduto nei mesi scorsi, si ribadisce che il Funzionario Responsabile dell’Area Tecnica ha rassicurato l’Amministrazione sulla natura assolutamente accidentale dell’evento, che non é stato perciò causato nè da carenze di manutenzione da parte degli Uffici comunali (che nel caso di specie sarebbero state poi addebitabili, quanto meno sul piano politico, proprio al Consigliere Guarracino, che fino a 15 giorni prima dell’evento era Assessore al Verde Pubblico in carica), né da eventuali manovre maldestre dell’impresa appaltatrice dei lavori.



Positano, 20/03/08


IL SINDACO E L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE