MULTE PER I CLIENTI DELLE LUCCIOLE SUL LUNGOMARE DA SALERNO A CAPACCIO

0

Salerno. I clienti delle lucciole rischiano una multa, fino a 296 euro, per fermata non autorizzata del veicolo: succede nel comune di Capaccio-Paestum, dove il sindaco Pasquale Marino ha firmato un’ordinanza che prevede il divieto di fermare l’auto in strada per «contrattare prestazioni sessuali con soggetti che esercitano l’attività di meretricio o che per l’abbigliamento o l’atteggiamento manifestano l’intenzione di esercitare l’attività consistente nella fornitura di prestazioni sessuali».
L’obiettivo dell’amministrazione è quello di scoraggiare i clienti delle lucciole che, in base all’ordinanza, incorrerebbero in una sanzione amministrativa per «fermata di veicolo». «Non consentiremo che il decoro di una città perbene, civile e rinomata come Capaccio-Paestum – ha spiegato il primo cittadino Marino – sia messo a repentaglio da chiunque intenda favorire lo sfruttamento di un’attività illecita quale la prostituzione. Oltre ad intensificare i controlli lungo i tratti stradali di maggior frequentazione, soprattutto a carico delle cosiddette lucciole, in tutto il territorio comunale vieteremo a chiunque di fermare il veicolo per contrattare, sulla pubblica via, prestazioni sessuali a pagamento, per non incorrere in salate sanzioni in violazione dell’ordinanza sindacale e del codice della strada».
Intanto a Salerno non si ferma l’offensiva anti-prostituzione. I carabinieri hanno fermato altre sei prostitute nella zona orientale. Una di loro, una ventisettenne di nazionalità nigeriana, è stata arrestata perchè inottemperante al precedente decreto di espulsione. Scarcerati invece, poco dopo l’arresto, Roberto Volzone e Carmine Antonio Esposito, entrambi di Battipaglia, coinvolti mercoledì scorso in un’indagine dei carabinieri di Salerno con l’accusa di procacciare clienti a due prostitute brasiliane a Santa Cecilia di Eboli. Il pm della procura di Salerno Vincenzo Senatore infatti non ha chiesto la convalida dell’arresto ravvisando, tra l’altro, l’assenza di gravi indizi.


Corriere del Mezzogiorno

Lascia una risposta