SORRENTO, SIRENA D´ORO L´8 MARZO

0

Attesa per il gran finale del “Premio Sirena d’Oro” che si terrà l’8 marzo a Sorrento. La manifestazione nata sette anni fa, per iniziativa dell’ufficio “Sportello informativo agricolo del comune di Sorrento” con un edizione ancora molto limitata denominata “Olio Felix”, è cresciuta nel tempo conquistandosi il patrocinio del ministero per le politiche agricole e forestali, quello dell’assessorato all’agricoltura della Regione Campania e diventando l’appuntamento annuale fisso più importante di tutto il panorama nazionale, tanto da coinvolgere un gran numero di produttori italiani.

Oggi e diventato l’evento clou del “Mese dell’Olio Dop della Campania”, organizzato dall’assessorato regionale all’agricoltura in collaborazione con l’associazione nazionale “Città dell’Olio”. Il premio che, come gli altri anni, si terrà al teatro Tasso di Sorrento, nell’edizione 2008 presenta alcune importanti novità. Ci sarà, in occasione della festa delle donne, l’assegnazione di un attestato di riconoscimento, da parte dell’associazione delle produttrici “Donne dell’Olio”, ad una donna che si è distinta nel campo della ricerca.

Quest’anno sarà premiata Rosangela Marchella, preside della facoltà di agraria dell’università di Parma che ha individuato il Dna dell’olio. Poi sarà premiato il miglior lavoro, scelto tra quelli di 5000 bambini che hanno partecipato al concorso di disegno sul paesaggio dell’olio. Infine saranno presenti oltre 20 sindaci di Città dell’olio della Campania.

Oltre, ovviamente, alla premiazione dei tre migliori oli Dop. Una selezione di circa 200 oli dop provenienti da tutt’Italia e divisi per tre categorie: Fruttato leggero; Fruttato medio e Fruttato intenso, scelti con una dura selezione passando attraverso le degustazioni, alla cieca, da parte di esperti. Il mese dell’olio continua, anche nel 2008, a proporsi come un importante momento che aiuta, la crescita qualitativa del settore oleario e, allo stesso tempo, l’orientamento dei consumatori verso prodotti sicuri, genuini e gustosi.
Salvatore Tuccillo