Oniriko. Gennaro Cosmo Parlato.

0

ALTRO EVENTO TARGATO ONIRIKO HOLLYWOOD NAPOLI 


Sarà’ ancora una volta l’Hollywood di Agnano sabato 1° marzo 2008 ad ospitare il 2° evento targato ONIRIKO, il nuovo marchio che già fa tendenza nella Napoli bene e che vede entusiasto l’ideatore Emanuele De Angelis. L’obiettivo di Oniriko è quello di ampliare, convogliare ed orientare un “target” carratterizzato da uno stile elegante ed esclusivo. Dopo il successo del mese scorso con il cantante Sagi Rei, De Angelis unisce ancora una volta il piacere della musica “live” a quella “house” con il grande artista Gennaro Cosmo Parlato e direttamente dai migliori club il “dj” producer “John Made“, con il ritmo della sua “house music”, che oggi è suonata nei club più in del mondo dallo “space” di Ibiza al Ciclope di Palinuro e i suoi dischi sono spesso suonati da alcuni tra i “dj” più forti al mondo come:Hector Romero, Dubfire, Danny Tenaglia, Pete Tong, Joe T Vannelli e Claudio Coccoluto. L’animazione vocale è stata affidata ancora una volta al duo di vocalist Danilo Mykonos direttamente dal Calambè di Capri e Gianpaolo Sinno vocalist ufficiale del tour Oniriko 2008. Ma i riflettori saranno puntanti sul vero guest della serata il live di Gennaro Cosmo Parlato, figlio di cantanti melodici partenopei, vive da sempre a stretto contatto con la musica. Inizia a studiare canto e solfeggio per, poi, interessarsi alla recitazione studiando arte drammatica a Firenze. Dopo varie esperienze teatrali e stage all’estero, dal 2000 diventa autore dei testi per molte cantanti italiane come, Donatella Rettore, Viola Valentino, Fiordaliso e Loredana Bertè. Grazie all’amico Platinette nel 2004 invia una sua canzone a Mina. Il brano si intitola Fragile e viene inserito nell’album Bula bula del 2005. Nel 2004 realizza una serie di “cover” di brani italiani anni ’80, completamente stravolte ispirandosi al gusto retro dei tanghi argentini, sirtaki e balli caraibici. Questo suo lavoro viene testato in uno show-case tenutosi a Forte dei Marmi, ottenendo un buon successo di pubblico. Dopo di che il suo produttore Giorgio Bozzo allestisce uno spettacolo teatrale dal titolo “Che cosa c’è di strano?”, che, successivamente, diventerà un disco omonimo. Nel 2005 pubblica “Che cosa c’è di strano?”, dove reinterpreta brani delle primedonne della musica italiana anni ’80 come le già citate Donatella Rettore, Viola Valentino, Fiordaliso e Loredana Bertè, in più Anna Oxa, Gianna Nannini, Alice e molte altre. Primo singolo estratto una versione caraibica di “Maledetta primavera” di Loretta Goggi. Nell’estate del 2005 intraprende un’intensa attività “live” che si conclude con l’esibizione al “Friendly Versilia Mardi Gras”, ripetuta, po,i nell’edizione 2006 al teatro all’aperto del Festival Puccini.Diventa ospite fisso del programma “Markette”, condotto da Piero Chiambretti, dove ha modo di presentare il suo repertorio e di farsi conoscere dal grande pubblico. Nel 2006 conosce CapaRezza, e nasce una collaborazione per il brano “La mia parte intollerante”, contenuto nell’album Habemus Capa. Partecipa anche alle riprese del relativo “videoclip” e “tour” promozionale. Alla fine del 2006 pubblica Remainders, album di 25 “cover” di brani internazionali anni ’80. Primo singolo estratto Victims, brano portato al successo dai “Culture Club” di Boy George. Questo secondo lavoro comprende la rivisitazione di molti successi anni ’80 di artisti come, Cindy Lauper, Tina Turner, Madonna, Simple Minds, Michael Jackson, Eurythmics, Queen e molti altri.


Da non perdere.