CAMPANIA, FEDERTURISMO SOS A DE MASI

0

Alberghi semivuoti, stagione primaverile compromessa. Gli albergatori della Campania lanciano l’ennesimo allarme: l’emergenza rifiuti sta mettendo in ginocchio il settore turismo e sono tanti, dicono, gli alberghi che rischiano la chiusura. Il presidente di Federalberghi Campania, Costanzo Iaccarino, e Federalberghi di Napoli, Ischia, Penisola Sorrentina, Capri, Pompei, Campi Flegrei, Salerno, Caserta, Avellino, Benevento, Palinuro, hanno scritto una lettera aperta al neoassessore regionale al Turismo, Domenico De Masi, al quale dicono. «Caro assessore, se non facciamo presto, corre il rischio di esercitare la sua funzione con una gran parte di alberghi chiusi o con grosse difficoltà di sopravvivenza».
Dal vesuviano si alza il grido d’allarme, di ristoratori ed albergatori che vedono a rischio le loro attivita’ a causa dell’emergenza rifiuti. Dopo la denuncia del proprietario dello storico albergo Vesuvio sul lungomare di Napoli (solo 18 ospiti per centosessanta stanze e venti suites), anche Sorrento lamenta un calo del 40 per cento dei turisti mentre in Costiera Amalfitana si salvano solo Positano e Ravello. La speranza è che si trovi un sistema per il rilancio del turismo per la 28esima edizione della Borsa Internazionale del Turismo in programma dal 21 al 24 febbraio a Milano.