Positano – Un ricordo a Filomena di Nocelle

0

Quando penso a Filomena, mi compare sul volto un sorriso tenero, nonostante il senso di tristezza al pensiero che lei non è più qui, che la sua presenza non illuminerà più le nostre vite.  Che non camminerà più per tutto Nocelle, curiosa e aperta.  Straripante di energia.


Era un’amica fedele, una fonte costante di luce e risate, canzoni e storie, compagnia, gentilezza e saggezza.  Un modello da cui tanto ho appreso tanto.


Filomena era una figura centrale, meravigliosa, nei nostri spettacoli qui, a Nocelle.  Potrei raccontare moltissimi episodi su di lei, come quella volta in cui Zeffirelli, che l’aveva udita cantare, le aveva chiesto di trasferirsi a Roma ed esibirsi per lui e lei aveva rifiutato, come ebbe a raccontarmi, dicendo: “Che razza di madre sarei se lo facessi?”  Potrei raccontare le sue imprese di ragazza e di giovane donna, potrei parlare della sua presenza qui, a Nocelle, sentita in maniera tanto forte.


Quando penso a lei e alla sua dipartita, m’avvolge la tristezza e sento le lacrime scendere, eppure Filomena ha avuto una vita ricca e piena e il suo tempo è giunto per lei, così come arriva per noi tutti.


Lei, che faceva tutto col cuore, ha fatto del mondo un posto migliore e così ce lo ha lasciato. 


Il canto le sgorgava dal cuore, con gli occhi luminosi e il sorriso scherzoso.  Ha abbracciato la vita dal profondo del cuore.  E il suo cuore non conosceva confini.


Era una persona intrinsicamente nobile, umile eppure fiera, assolutamente indipendente, assolutamente se stessa.


Una donna di coraggio.  “Io non ho paura di niente e di nessuno”, soleva dirmi.


Filomena, che andava a caccia a cavallo e si arrampicava sugli alberi. Filomena, capace di uccidere serpenti di 15 chili e amante dei fiori.


Filomena, adorata dai fanciulli e dai cani.  Filomena che, istintivamente, accordava fiducia a chi ne era degno. 


Le sue spoglie terrene riposano nella quiete del bell cimitero di Agerola, accanto a quelle di suo marito, “il Baffone”.  Ma è nell’aria di Nocelle che il suo spirito aleggerà per sempre.  La ricorderemo sempre, sì, con un sorriso tenero e con gratitudine per il dono della sua presenza. 


Filomena.  Donna straordinaria e mia splendida amica.


Grande, con la “G” maiuscola.


Grazie, Filomena, per la generosità con cui hai condiviso la tua vita con la mia, con le nostre.


 


Richard