Salerno, immigrata abbandona feto abortito

0

SALERNO – Si è presentata all’ospedale di Salerno con una forte emorragia causata da un aborto. Una giovane di nazionalità filippina, di cui non si conoscono le generalità, è stata ricoverata ieri sera all’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”. Da quanto si è appreso pare che la giovane, quando si è presentata al pronto soccorso, non avesse ancora espulso la placenta e il cordone ombelicale. Ma del feto non vi era alcuna traccia. Il quadro clinico, secondo quanto riferito dai sanitari, risulterebbe compatibile con un aborto spontaneo o con un parto prematuro o indotto. La donna, che ha 32 anni ed è immigrata regolare, e non parla italiano, pare che fosse al quinto mese di gravidanza. Giunta in ospedale in evidente stato confusionale, la giovane non ha saputo fornire notizie sull’accaduto, né ha saputo dire agli agenti di Polizia dove fosse stato posto il feto. Ora la giovane è piantonata dalla polizia. La donna dovrà essere interrogata dagli inquirenti attraverso l’ausilio di un interprete. Attualmente le sue condizioni di salute non destano eccessive preoccupazioni. Intanto, da ieri sera sono iniziate le ricerche per scoprire il luogo dove è stato lasciato il feto. In queste ore gli agenti di polizia, coordinati dal vicequestore Rossana Trimarco, stanno passando al setaccio i cassonetti dei rifiuti del capoluogo. La procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno ha aperto un’inchiesta per fare luce sulla vicenda. 


                                                                       MICHELE DE LUCIA