CENA CON IL FIDANZATO, POI LO SCHIANTO E MUORE A 19 ANNI

0

PATRIZIA PANICO Pollena Trocchia. Per Antonella doveva essere una notte speciale, quella giusta per festeggiare il primo mese di fidanzamento con Michele. Antonella Iorio, vent’anni da compiere tra qualche settimana, si è schiantata contro un palo nei pressi della sua abitazione, di ritorno dalla serata trascorsa a Maiori in Costiera Amalfitana insieme con il suo ragazzo, Michele Iorio, difensore del Sorrento in C1, che abita a Sant’Anastasia, poco distante da Pollena Trocchia. La ragazza è morta, sul colpo a bordo della sua auto, una Fiat coupé rossa, dopo aver colpito alcune fioriere, un palo della luce e una conduttura del gas prima di terminare la corsa al centro della carreggiata in via Garibaldi. Sul suo cellulare l’ultimo sms ricevuto da qualche minuto: «Grazie per la serata che abbiamo passato insieme». È stato un residente della zona, poco dopo le 3.30 ad essere svegliato di soprassalto dal rumore dello schianto: l’uomo si è affacciato dal suo balcone della camera da letto ed ha visto a pochi metri di distanza un’automobile completamente distrutta. «Quando ho sentito lo schianto – racconta il testimone – ho pensato subito all’ennesimo incidente che avviene su questa strada, mi sono affacciato e ho visto l’auto ferma al centro della strada. Ho chiamato immediatamente il 113». Così dopo pochi minuti il centro mobile di rianimazione dell’ospedale Apicella di Pollena è giunto sul posto dell’incidente, è stata allertata anche una squadra dei vigili del fuoco, necessaria per estrarre dall’auto il corpo di Antonella. Il medico del 118 che l’ha trovata in arresto cardiaco ha effettuato la rianimazione cardiopolmonare ma per Antonella non c’è stato nulla da fare nonostante il trasferimento all’ospedale di Pollena Trocchia dove il papà della vittima, Salvatore Iorio, è chirurgo al pronto soccorso. Nel frattempo un amico della ragazza che passava sul luogo dell’incidente ha riconosciuto l’auto e ha avvisato i genitori. «Stavamo dormendo – racconta il medico – e quando ho sentito il citofono sono sobbalzato, il ragazzo mi ha avvisato di aver visto poco più avanti l’auto di mia figlia poi non ha aggiunto altro. Mi sono precipitato sul posto ma Antonella non c’era più, era stata già trasferita al pronto soccorso». Per i carabinieri della tenenza di Cercola, che hanno svolto le indagini, si è trattato di un incidente causato dalla perdita del controllo dell’auto dovuto probabilmente a una serie di fattori quali la velocità sostenuta, il manto stradale dissestato e, non ultimo, forse la stanchezza della giovane dovuta all’ora tarda. Per il papà Salvatore non c’è dubbio che si sia trattato di una disgrazia: «Antonella amava la vita e la rispettava: era sicura e attenta ma era anche una ragazza esuberante, piena di vita come è giusto che sia alla sua età». Era iscritta al primo anno al corso di Scienze dell’alimentazione e i suoi studi procedevano spediti, racconta il padre, e, al centro estetico gestito dalla mamma al pian terreno della loro abitazione in via Garibaldi, Antonella ci andava solo «per farsi bella». Il pm non ha ritenuto necessario disporre l’autopsia, oggi alle 11 si celebreranno i funerali nella chiesa di San Giacomo. Anche il Sorrento Calcio ha manifestato la commossa partecipazione al dolore del calciatore, da poco rientrato dopo una lunga squalifica, per la «tragica e prematura scomparsa della fidanzata Antonella». E oggi tutta la squadra sarà a Pollena per l’addio alla ragazza.