Sala Consilina: il WWF Salerno continua la vigilanza ambientale

0

Il Nucleo Guardie Ambientali – WWF Salerno comunica il resoconto dell’attività di vigilanza venatoria effettuata nei giorni scorsi, infatti non si arresta l’attività del Nucleo Guardie Ambientali WWF di Salerno che, con la solerte collaborazione dell’Associazione Nazionale Libera Caccia, nella persona del Capitano Antonio Grippo e alle guardie dell’associazione venatoria Italcaccia, continua a pattugliare il territorio provinciale allo scopo di combattere e reprimere gli illeciti in materia ambientale e venatoria.

L’ultimo intervento che ha visto impegnate i suddetti agenti, si è svolto domenica mattina nel territorio di Atena Lucana e precisamente in località Petrizzo, da dove si udivano numerosi spari in rapida successione e a tal punto le Guardie al fine di effettuare le verifiche del caso, si portavano sul posto. Presso gli uffici della sezione provinciale del Nucleo Guardie WWF, già da alcune settimane giungevano segnalazioni di denuncia di gravi illeciti ai danni della fauna selvatica, in particolare cinghiali (cacciati nei giorni di divieto) e uccelli rapaci, questi ultimi particolarmente protetti ai sensi della normativa in materia venatoria.


Il corpo di vigilanza formato da oltre dieci guardie, ha pattugliato la zona interessata fin dalle prime ore dell’alba, riuscendo a sorprendere due persone armate, che esercitavano l’attività con fucili alterati in grado di potenziare la capacità offensiva ai danni dei selvatici (armi in grado di contenere un numero superiore a due cartucce nel serbatoio e una cartuccia in canna). Allertati anche i Carabinieri della vicina Stazione di Sala Consilina che, offerta immediatamente la propria disponibilità, hanno poi proceduto ad identificare le persone individuate per formalizzare gli atti e l’ipotesi di reato (uso di arma alterata in violazione alla L. 157/92 e L. 110/75).


Con la presente il Nucleo Guardie WWF di Salerno intende porre a conoscenza dei cacciatori che l’uso di armi non rispondenti a quanto stabilito dalla L. 157/92, costituisce sempre illecito penale, anche se a volte è commesso in buona fede. Infatti non mancano gli interventi ed i controlli sul territorio, in quanto, l’ultimo intervento di vigilanza eseguito dalle Guardie Ambientali del WWF Salerno risale a pochi fà, nel territorio di Postiglione alle pendici dei monti Alburni.


Anche in questo caso gli agenti in collaborazione con i Carabinieri della Stazione di Postiglione hanno effettuato il sequestro di armi alterate, dunque un problema molto diffuso. I cacciatori, al pari dei singoli cittadini, sono responsabili del futuro del nostro ambiente naturale e della fauna selvatica che lo abita; affinché essa possa prosperare, occorre che tutti pongano in essere le misure idonee nel rispetto delle leggi che, per definizione del nostro sistema giudiziario, sono uguali per tutti.

tratto da: www.salernonotizie.it


                                                            MICHELE DE LUCIA