RAVELLO STRADA ANCORA CHIUSA

0

Due frane nell’arco di una settimana e la strada provinciale che porta da Amalfi a Ravello è ancora chiusa. La prima frana è caduta il 14 gennaio, la seconda il 17 gennaio.  La prima ha provocato la chiusura della Provinciale che, dal bivio di Castiglione sulla Statale amalfitana,  conduce fino alla città della musica. Lo smottamento è avvenuto, in località Cigliano, all’altezza del supermercato che si incontra “arrampicandosi” lungo i tornanti  che portano a Scala ed a Ravello, verso le 3,30. Un’ora in cui, per fortuna,  in transito veicolare è pressoché assente soprattutto in questo periodo di bassa stagione turistica. Dopo i massi staccatisi dal costone roccioso di Santa Barbara e caduti a Cigliano, nei pressi del Supermercato Despar, successivamente c’è stato il 17 gennaio  il cedimento di un muro a secco, poco più giù, in località Valle del Dragone, ancora sulla Strada Provinciale. Fortunatamente, nel momento in cui è avvenuto lo smottamento, non transitava alcuna auto; sul posto sono prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco di Maiori e squadre del Comune di Ravello che in poco tempo hanno rimosso i detriti e ristabilito la viabilità. Immediatamente è stato dato l’allarme e sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco del Distaccamento di Maiori e i carabinieri della Compagnia di Amalfi, assieme ai colleghi della Stazione di Ravello. Dopo le prime verifiche e, in particolare,  a seguito degli accertamenti effettuati sul costone roccioso,  è stato deciso di interdire il passaggio delle auto, in quanto ci potrebbero essere altri pericoli.   ulteriore sopralluogo, al quale parteciperanno tutti gli enti interessati, dal Comune alla Protezione civile, dalla Provincia al Genio civile. E, sarà proprio quest’ultimo, ad appaltare i lavori di somma urgenza, per far sì che la situazione possa tornare alla normalità nel più breve tempo possibile. “Bisogna, in tutti i modi, accelerare i tempi – evidenzia il primo cittadino Paolo Imperato – e consentire che l’arteria venga riaperta al più presto possibile, per limitari i disagi dei cittadini. Noi, come Amministrazione, ci siamo subito attivati per avviare tutte le procedure necessarie onde far fronte  alla incresciosa situazioni”. Attualmente, con la provinciale off-limit, Ravello è raggiungibile solo attraverso il Valico di Chiunzi. E, alla stessa stregua, chi dalla città della musica dovesse, sia per esigenze personali che per lavoro, raggiungere Amalfi, dove sono concentrati la maggior parte degli uffici, è costretto a percorrere moltissimi chilometri in più rispetto alla normalità. Gli stessi studenti, che frequentano gli istituti superiori nell’antica Repubblica marinara, da ieri sono stati obbligati, per giungere in tempo utile alle lezioni, ad un tortuoso giro. Di fatto molti passano comunque, a loro rischio e pericolo, con i mezzi privati, ma agli autobus ed ai mezzi pubblici l’accesso è totalmente interdetto. La SITA nel frattempo ha organizzato delle navette, ma i disagi sono notevoli.


 

Lascia una risposta