IMPERATO: ECCO PERCHE´ NON SIAMO USCITI DALLA FONDAZIONE

0

“Abbiamo un dovere e un impegno da onorare quotidianamente, e cioè la capacità di restare all’interno della Fondazione aprendola ai ravellesi” Il sindaco di Ravello Paolo Imperato ha spiegato i motivi che hanno spinto il Comune di Ravello consiglio del 30 dicembre a tornare sui suoi passi, dopo l’uscita dalla Fondazione con la delibera numero 15 del 25 giugno scorso, e rientrare nella Fondazione che organizza un evento, il Ravello Festival, che da lustro a tutta la Costiera Amalfitana. Da chiarire però il ruolo di Secondo Amalfitano, sul quale sembra concentrarsi lo scontro, attuale Direttore di Villa Rufolo, con la nomina del Direttore Generale per la Fondazione “Non abbiamo mai messo in discussione il valore dell’istituzione Fondazione -spiega Imperato -, ma quel che contestavamo era la modalità di gestione della Fondazone, e alle nomine. Proprio nel momento in cui si venivano a creare significativi rapporti, nuovi, istituzionali tra comune e Regione Campania vi fu la nomina, a dir poco discutibile, di direttore di Villa Rufolo del capo dell’opposizione. Noi crediamo nella Fondazione e nell’esigenza di una programmazione unitaria delle iniziative turistiche e culturali per Ravello in sinergia con tutti gli enti. Ora il nostro impegno è verso l’apertura della Fondazione ai ravellesi, pretendendo serie e diverse professionalità e una programmazione di eventi spalmata su tutto l’arco dell’anno. Abbiamo chiarito i rapporti e i ruoli con il presidente De Masi e da domani avremo la possibilità di condizionare e orientare le scelte della Fondazione, incidendo da subito sulla programmazione.” Già questa estate dopo un incontro con gli altri membri del consiglio di indirizzo della Fondazione con il vice sindaco Salvatore Di Martino ci sono stati dei ripensamenti, una delle richieste principali, quella di ricercare e nominare un Direttore Generale unico per la Fondazione che si occuperà della gestione di Villa Rufolo, di Villa Episcopio, dell’Annunziata e della gestione dell’Auditorium, sembra essere stata presa in considerazione. Ma non è stata ancora ufficializzata da nessuna parte. Intanto, come già anticipato mesi fa, il Comune di Ravello ha deciso di non ostacolare la realizzazione dell’auditorium, ed anche questo è un segnale importante. Bisogna aspettare ora in concreto gli sviluppi futuri della situazione. Di parole, sinora, se ne sono dette tante.