Calcio, il Napoli pareggia a Siena 1-1

0

Napoli – Napoli forza sette. Nel vento gelido del Franchi gli azzurri rimontano in una folata il Siena e si piazzano al settimo posto da soli in classifica. Finisce 1-1: il Napoli è tra le 7 sorelle del calcio italiano. Il Grande Fratello, invece, è Mariano Bogliacino che segna uno splendido gol, il suo secondo in serie A e smeriglia il suo momento d’oro. Così come d’oro è il punto di oggi non foss’altro per il valore statistico: non si faceva risultato a Siena dal 1946, ovvero dal dopoguerra. Un altro piccolo grande record del nuovo Napoli che diverte, gioca e coniuga che è un vero piacere il verbo stupire: ormai lo slogan stagionale lanciato da Pierpaolo Marino e inserito come password nel sistema azzurro. Il Palio di dicembre sorride al Napoli, con una rimonta del Boglia alla curva del Casato. Uno spunto irresistibile che in Piazza del Campo il Napoli aspettava da oltre 60 anni.
Partita molto veloce e sospinta anche da un vento notevole. All’11’ primo tiro del Siena. Destro in drop di Locatelli, alto. Sfida molto sostenuta e giocata a ritmi alti. Al 30′ il Napoli fa breccia con una azione personale di Zalayeta che lancia Hamsik a rete, salva in spaccata Loria. Sull’angolo successivo cross di Hamsik e spizzata di tesa di Domizzi che accarezza la traversa. Il Napoli prende campo. Al 35′ su una palla vagante in area Hamsik prende iltempo a tutti e taglia al centro per Zalayeta, sulla linea l’anticipo di Portanova nega il gol agli azzurri. Napoli che chiude all’attacco: al 40′ su angolo di Bogliacino ancora Hamsik va in sforbiciata, Manninger alza sulla traversa. Gran gesto e bella parata. Finisce il primo tempo 0-0.
Nel secondo il ritmo non cala neppure per sbaglio. Lotta, corsa, duelli fisici: partita rusticana. Al 56′ ci prova Bogliacino su azione personale: destro largo. Al 60′ risponde Maccarone dall’altro lato: Iezzo è bravo ad alzare. Poco dopo si fa male Domizzi al naso per una gomitata di Bertotto. Per lui entra Rullo. Ma in una mischia in area passa il Siena: azione d’angolo, palla vagante e girata sotto rete di Frick: 1-0. Il Franchi urla ancora quando il Napoli si rimette gambe in spalla. Tempo un minuto. Combinazione Hamsik-Bogliacino, tutta in velocità: palla dentro per l’uruguagio che di sinistro scarica in gol: 1-1. Secondo gol del Boglia, anche questo in trasferta dopo quello di Palermo. La sfida non si placa ma si accende. Ed è il Napoli che potrebbe affondare la lama. Al 70′ azione corale Zalayeta-Hamsik-Garics e destro dell’austriaco che sfiora il palo. Al 72′ bella punizione di Gargano che Manninger toglie dal sette. Poi gli azzurri controllano. Può bastare così. Punto d’oro. Napoli è tra le sette sorelle del campionato.

Fonte : www.sscnapoli.it


“Il pareggio di Siena e’ un risultato importantissimo anche perche’ eravamo reduci dalla trasferta di Bergamo dove abbiamo preso 5 gol. C’era un po’ di condizionamento ma interessava far punti a Siena, in una gara improntata molto bene dal punto di vista difensivo, considerando il valore dell’attacco senese”. Lo ha detto Edy Reja sul pareggio esterno del suo Napoli sul campo del Siena.
  Il tecnico goriziano rilegge il match con i toscani di Beretta: “Particolari pericoli non ne abbiamo corso anzi sulla ripartenze abbiamo avuto ottime opportunita’. Poi e’ arrivato il gol su angolo del Siena ma pochi istanti dopo il nostro pari rabbioso con Bogliacino. Un pareggio, un risultato, che penso che sia giusto”. Reja spiega l’utilizzo di Bogliacino in avanti. “Calaio’ non e’ mica bocciato, ho optato per questa soluazione. Ho tutti giocatori molto bravi ad inserirsi, come Hamsik, anche lui si inserisce bene. Non abbiamo fatto una gara difensiva e siamo ripartiti alla grande, non siamo stati fortunati nella conclusione. Calaio’ quinta scelta? Non ci sono problemi, ho una rosa a disposizione e scelgo, non voglio tirar fuori discorsi individuali ma di collettivo e cercare di mantenere equilibrio – chiude Reja – fuori casa mi piace inserire Bogliacino, in casa magari avrei scelto Calaio'”. “Nel calcio le tabelle lasciano il tempo che trovano. Guardiamo al Torino ma cerchiamo di usare l’umilta’ che abbiamo usato tranne a Bergamo dove e’ stata una giornata di follia”. Pierpaolo Marino, direttore generale del Napoli, spiega le ambizioni del club campano. “Il futuro di Calaio’? Il club ha stima del calciatore ed e intenzionato a tenerlo. Sono convinto che Reja abbia fatto il meglio che si puo’ fare: guardare e valutare lo stato di forma dei giocatori. Le sue scelte anche se avessimo perso sarebbero state giuste”, ha aggiunto il dirigente del club campano.
 


FONTE. CASERTANEWS


                                               MICHELE DE LUCIA